Decreto infrastrutture: quali novità per le patenti?

Mattia Anastasi
  • Dott. in Economia Aziendale con curriculum Manageriale
06/09/2022

Il governo sta approvando gli ultimi decreti prima di cedere lo scettro al nuovo governo risultante dalle elezioni. Tra questi vi è il decreto infrastrutture, che andrà a regolare molti aspetti normativi delle patenti e sui nuovi tipi di veicoli. Approfondiamo insieme la questione nel seguente articolo.

come-rinnovare-patente-guida-cosa-rischia-quando-scade-speciale-v3-45058-1280×16

Il fulcro del nuovo decreto infrastrutture come detto, riguarda il regolamento delle patenti, in particolare per i veicoli elettrici. Si discute sulla possibilità di far guidare questa tipologia di veicoli ai neopatentati. Ma non solo, si affronta anche il tema della possibilità di tornare a guidare dopo più di cinque anni di mancato rinnovo, e il tema legato alle moto.

Vediamo i dettagli della vicenda.

Patente: i neopatentati possono guidare i veicoli elettrici?

Auto, Elettriche

Affrontiamo il tema delle auto elettriche e la possibilità di essere guidate da giovani neopatentati. Il decreto infrastrutture si è impegnato a dare una svolta normativa, in modo da chiarire una volta per tutte la posizione. I mezzi elettrici sono caratterizzati, oltre che dal peso elevato, anche dalla potenza elevata del motore elettrico . Questa caratteristica rende più complesso renderli idonei alla guida per i neo patentati.

L’articolo 117 del codice della strada infatti vietava di guidare autoveicoli con rapporto potenza/tara superiore a 55 kW/t. Per le autovetture elettriche o ibride plug-in, questo limite è stato portato a 65 kW/t (compreso il peso della batteria). Ma resta il limite di potenza massima già previsto per tutte le autovetture: 70 kW.

Patente: nuove regola sui rinnovi

Pensione

Vediamo ora le novità relative ai rinnovi della patente. Aumentando il benessere e l’aspettativa di vita, vi sono molti casi di persone anziane che a distanza di anni dall’ultima visita medica, hanno intenzione di tornare a guidare. Va chiarito però se queste si ricordino tutte le nozioni teoriche e pratiche essenziali per viaggiare in modo sicuro.

Il decreto infrastrutture è intervenuto andando a spiegare che:

Se una patente è scaduta da oltre cinque anni, dopo la visita medica occorre prenotare un «esperimento di guida», in cui eseguire «almeno una delle manovre e almeno tre dei comportamenti di guida nel traffico» previsti nel normale esame di guida.