Decreto taglia-prezzi 2022, dalle bollette ai carburanti: tutte le misure previste

Rachele Luttazi
  • Esperta in welfare e bonus
  • Laurea Magistrale in Economia dell'Ambiente e della Cultura
12/05/2022

Il decreto taglia-prezzi, conosciuto anche come dl Ucraina bis, sta per essere convertito in legge. Al suo interno sono diverse le misure inserite, dalla rateizzazione delle bollette fino alla proroga del taglio delle accise. Vediamo insieme i nuovi interventi del decreto.

money-1005479_1920Le commissioni Finanza e Industria del Senato hanno portato a termine l’esame del Decreto taglia-prezzi, noto anche come dl Ucraina bis. Ora è atteso in Aula a Palazzo Madama e poi passerà alla Camera per poi essere convertito in legge entro il 20 maggio.

Vediamo insieme tutte le misure contenute all’interno del nuovo decreto.

Decreto taglia-prezzi 2022: tutte le misure

money-1033647_1920La rateizzazione delle bollette è stata estesa alla fine di giugno tramite un emendamento, secondo cui i fornitori devono offrire ai clienti:

un piano di rateizzazione di durata non superiore a 10 mesi, che preveda il pagamento delle singole rate con una periodicità e senza applicazione di interessi a suo carico, secondo le modalità definite dall’Arera.

Per quanto riguarda i bonus edilizi, è stata introdotta una nuova stretta, secondo cui dal primo luglio 2023 sarà possibile beneficiare delle agevolazioni per i lavori sopra i 516mila soltanto tramite imprese che hanno la certificazione Soa, fino ad oggi necessaria alle aziende per poter partecipare ad appalti pubblici. L’obbligo scatterà dal 1° gennaio 2023, data a partire della quale dovranno dimostrare di aver fatto almeno richiesta agli enti certificatori.

Secondo il nuovo decreto, bar e ristoranti potranno mantenere i dehors pagando l’occupazione del suolo pubblico, ma senza richiedere nuove autorizzazioni fino al 30 settembre.

Tramite un emendamento del senatore del M5S Andrea Cioffi, la golden power è stata estesa alle concessioni di “grande derivazione idroelettrica”, secondo cui vengono estesi i poteri speciali dello Stato nei settori strategici di energia, trasporti e comunicazioni anche alle concessioni di competenza regionale. Inoltre, è stato approvato un emendamento al decreto che introduce “misure urgenti per incrementare la produzione di energia elettrica da biogas”.

Sono stati riparti anche i termini per i produttori di latte che vogliono aderire alla rateizzazione delle multe per le quote latte, estesi per 60 giorni. La misura è rivolta ai “debitori del prelievo destinatari di atti di riscossione coattiva da parte dell’Agenzia delle Entrate”.

Inoltre, è stato prorogato anche il taglio delle accise sui carburanti, sui quali viene applicato uno sconto di 30 centesimi fino all’8 luglio.

Infine, in merito alla situazione profughi, è stato introdotto un rimborso di 100 euro pro-capite al giorno destinato ai Comuni che accolgono minori non accompagnati provenienti dall’Ucraina.