Detrazioni spese universitarie: le condizioni e i limiti da rispettare

La detrazione delle spese universitarie è un beneficio fiscale previsto per le spese universitarie sostenute dal contribuente e dai familiari a carico. È importante tenere conto dei limiti di spesa stabiliti per le università private e dei costi specifici ammissibili alla detrazione, come specificato dall’Agenzia delle Entrate.

mortar-board-graduation-diploma

La detrazione delle spese universitarie per le università private è soggetta a specifici limiti stabiliti dal Ministero dell’Istruzione e della Ricerca, mentre per le università pubbliche non ci sono limiti di spesa. Vediamo insieme nel dettaglio quali sono le informazioni in merito fornite dall’Agenzia delle Entrate.

Detrazioni spese universitarie: come funzionano

close-up-graduate-student-holding-cap

L’art. 15 del DPR 917/86, TUIR, prevede una detrazione del 19% per le spese universitarie pagate dal contribuente, anche per i familiari a carico.

Le spese che sono detraibili includono corsi di istruzione universitari, corsi universitari di specializzazione, corsi di perfezionamento, master universitari, corsi di dottorato di ricerca, Istituti tecnici superiori, nuovi corsi istituiti presso i Conservatori di Musica e gli Istituti musicali pareggiati. Non sono detraibili le spese di iscrizione presso istituti musicali privati.

Le istruzioni dell’Agenzia delle Entrate

young-female-university-graduate-academic-cap-sitting-table-smiling-pointing-left-future-lawyer-engineer-showing-idea_176420-14245

L’Agenzia delle Entrate ha fornito le seguenti indicazioni riguardo alla detrazione delle spese universitarie:

  • Sono detraibili le tasse di immatricolazione ed iscrizione, soprattasse per esami di profitto e laurea, la partecipazione ai test di accesso ai corsi di laurea, ricongiunzione di carriera, iscrizione all’appello di laurea e rilascio della pergamena, frequenza a corsi singoli, e altri costi specifici.
  • Per i corsi di specializzazione in psicoterapia post universitaria, la detrazione è ammessa solo se gli stessi sono effettuati presso centri accreditati presso il MIUR.
  • Un master erogato da un consorzio al quale un’università statale partecipa con una quota non di maggioranza è equiparato a un master di università privata.
  • I corsi degli Istituti tecnici superiori (ITS) sono equiparati alle spese universitarie, mentre i corsi di formazione relativi al precedente ordinamento sono equiparabili ai corsi di formazione scolastica secondaria.
  • Non sono detraibili le spese di iscrizione presso istituti musicali privati.

Lascia un commento