Dichiarazione dei redditi 2021 omessa: rischi e sanzioni

25/09/2021

Siamo molto vicini alla scadenza imposta per presentare la dichiarazione dei redditi 2021. Ma cosa succede se non si inoltra il documento entro il termine prefissato? Scopriamo i casi in cui la dichiarazione si dichiara omessa e quali sono le relative sanzioni.

dichiarazione-redditi

Dichiarazione dei redditi: in quali casi si intende omessa? Ma soprattutto, quando scattano e quali sono le sanzioni cui si può incorrere se non si presenta il documento entro la scadenza?

Vi è una forte normativa che regola le sanzioni in caso di reato connesso alla mancata presentazione della dichiarazione dei redditi, l’articolo 5 della legge sui reati tributari.

Ciò che rileva in maniera forte è ovviamente l’ammontare delle cifre evase: scopriamo i dettagli della vicenda insieme.

Dichiarazione dei redditi: che succede se non si presenta?

closeup-of-business-woman-making-notes-in-document-min (1)

La dichiarazione dei redditi è l’appuntamento più importante per l’ordinamento italiano inerentemente agli adempimenti fiscali. La non presentazione di questa da parte di chi è tenuto a farlo può anche sfociare nel reato penale, così come previsto dall’articolo 5 della legge sui reati tributari.


Leggi anche: Bollo auto 2021 non pagato: cosa succede, rischi e sanzioni

Il reato penale scatta al presentarsi di due caratteristiche:

  • le imposte evase devono superare la soglia di 50.000 euro;
  • la dichiarazione non viene presentata entro 90 giorni dalla scadenza del termine.

L’obbligo di presentazione scatta per i cittadini che hanno un reddito superiore a 3.000 euro.

Cosa si rischia non presentando la dichiarazione dei redditi?

calculator-385506

A livello regolamentare, sono previste due particolari sanzioni per omessa presentazione della dichiarazione dei redditi:

  • la reclusione da un minimo di un anno e sei mesi ad un massimo di quattro anni per chi evade le imposte sui redditi o l’Iva e non presenta le dichiarazioni relative per imposte evase superiori a 50.000 euro.
  • la reclusione da un anno e sei mesi a quattro anni per chi non presenta la dichiarazione di sostituto d’imposta, sempre quando la somma evasa supera i 50.000 euro.

Si ricorda che al di sotto dei 50.000 euro di evasione la sanzione sarà solo amministrativa.

Mattia Anastasi
  • Laureato in Economia Aziendale con curriculum Manageriale
  • Laureando in Finanza e Metodi Quantitativi per l'Economia curriculum in Assicurazioni
  • Esperto in: Economia e Detrazioni Fiscali
Suggerisci una modifica