Dichiarazione dei redditi 2023: quanto costa l’invio del Modello Unico o 730

Il costo dell’invio del Modello Unico o del 730 dipende da diversi fattori come il servizio richiesto, la complessità della pratica e l’intermediario prescelto, con i costi medi che variano a seconda della complessità della dichiarazione dei redditi. Vediamo insieme. 

office-with-documents-and-money-accounts (3)-min

La compilazione e l’invio del Modello Unico o del 730 richiedono l’intermediazione di un professionista. I costi di tale servizio possono variare a seconda di diversi fattori, come il grado di complessità della pratica, la città di residenza, il servizio richiesto e l’intermediario scelto. In questo articolo, vediamo insieme i costi medi per le diverse opzioni, dai CAF ai patronati fino ai commercialisti.

I costi del 730 dal CAF: quanto si spende?

office-with-documents-and-money-accounts (2)-min

I CAF sono tra i principali intermediari fiscali a cui ci si può rivolgere per la compilazione e l’invio del Modello Unico o del 730. I costi medi per tale servizio variano a seconda della complessità della dichiarazione dei redditi e della città di residenza. In genere, il costo del 730 dal CAF parte da 45 euro per la compilazione e l’invio del modello, escluse le quote associative. Se si sceglie solo l’invio del modello già compilato, il costo può essere inferiore, intorno ai 20-25 euro. In media, il costo del 730 dal CAF si attesta intorno ai 60 euro. In caso di dichiarazione congiunta, il costo può essere il doppio.

I costi del 730 dal patronato: cosa c’è da sapere?

I patronati sono un’altra opzione per la compilazione e l’invio del Modello Unico o del 730. I costi del servizio offerto dai patronati sono sostanzialmente analoghi a quelli dei CAF. La principale differenza rispetto ai CAF è la necessità di una tessera associativa per accedere ai servizi dei patronati, che solitamente operano in riferimento a specifiche categorie di lavoratori. Anche i costi del 730 dal patronato sono simili a quelli del CAF.

I costi del 730 con il commercialista: quando conviene?

Per una dichiarazione dei redditi completa, si può rivolgersi a un intermediario fiscale come un commercialista specializzato. Questa opzione può essere più costosa rispetto a CAF e patronati, con l’applicazione di tariffe orarie più elevate. Se si sceglie di rivolgersi al commercialista solo in occasione della stagione dichiarativa, il costo del servizio di elaborazione della dichiarazione dei redditi sarà generalmente il doppio di quello del CAF o del patronato, con una spesa iniziale che parte dai 70-80 euro. Nei principali centri urbani, i costi possono essere ancora più elevati per dichiarazioni complesse.

Il 730 precompilato: quanto costa?

La dichiarazione dei redditi precompilata è un’opzione gratuita offerta dall‘Agenzia delle Entrate. Tuttavia, per i meno avvezzi al digitale, ci sono anche procedure guidate che rendono agevole l’integrazione delle eventuali informazioni mancanti. In ogni caso, non sono previsti costi del servizio per la dichiarazione dei redditi precompilata.

Lascia un commento