Dichiarazione dei redditi 730: scadenza prorogata ad Ottobre

22/06/2021

E’ dell’ultim’ora la notizia di una eventuale proroga della scadenza del 730: la data limite verrebbe spostata al 31 Ottobre 2021. Le prime reazioni sono tiepide: c’è chi è convinto che più tempo per i già sovra-stressati CAF sia utile per riorganizzarsi e chi teme ritardi nei pagamenti.

money-5885626_1920

Probabile novità sul fronte modello 730/2021: la data entro cui vanno sistemati i propri conti fiscali potrebbe passare dal 30 Settembre al 31 Ottobre 2021. Dunque sia i commercialisti, che i CAF, avrebbero un mese in più per far fronte ai propri obblighi fiscali.

In questo modo si allungherebbe il tempo di presentazione del modulo compilato, ma allo stesso tempo una potenziale grave conseguenza potrebbe essere il ritardo dell’erogazione dei rimborsi Irpef.

La notizia: probabile proroga della data di presentazione del 730

Secondo il Messaggero, la nuova data di presentazione del 730 potrebbe spostarsi di un mese. Questa decisione è giustificata da due motivazioni principali:


Leggi anche: Modello 730: detrazioni per coniuge a carico

  • si otterrebbe un alleggerimento degli obblighi fiscali di CAF e professionisti, che in quel periodo sono over-stressati anche e soprattutto a causa delle domande ISEE, CU e DSU.
  • si eviterebbero ingorghi nei CAF, che considerando la persistente situazione pandemica sarebbe più che opportuno.
  • dal 1° Luglio partirà l’assegno unico che andrà ad appesantire maggiormente i professionisti.

In sintesi, la motivazione principale è quella di alleggerire la già pesante mole di pratiche presentate al CAF o ai professionisti.

Proroga 730: tra i contro eventuali ritardi per i rimborsi Irpef

Una delle conseguenze più probabili della proroga del 730 è il ritardo nei pagamenti dei rimborsi Irpef spettanti. Per il 2021 sono circa 18 milioni i soggetti contribuenti tra lavoratori dipendenti e pensionati.

Il rimborso per queste categorie viene erogato direttamente in busta paga oppure sulla rata prevista per la pensione ordinaria. In seguito, viene inviata la dichiarazione dei redditi all’Agenzia delle Entrate, e più bisognerà attendere per vedersi accreditati i bonus Irpef previsti.ì

Mattia Anastasi
  • Laureato in Economia Aziendale con curriculum Manageriale
  • Laureando in Finanza e Metodi Quantitativi per l'Economia curriculum in Assicurazioni
  • Esperto in: Economia e Detrazioni Fiscali
Suggerisci una modifica