Dichiarazione dei redditi eliminata?

Camilla
  • Dott. in Scienze della Comunicazione
14/01/2022

Cambiano le modalità delle detrazioni fiscali con rimborso sul conto corrente. La commissione vigilanza anagrafe ha proposto di farle, come per il cashback, attraverso l’app Io. Scopriamo come

AppIO-404714

La commissione vigilanza e anagrafe ha proposto di modificare le modalità di detrazione fiscale con rimborso direttamente sul conto corrente, la proposta è quello di farlo, come per il cashback, attraverso l’app Io.

Secondo questa modalità la detrazione fiscale avverrebbe direttamente sul conto corrente grazie all’utilizzo dell’app Io, come avveniva per il cashback, questo significa che la dichiarazione del reddito verrebbe totalmente cancellata. Questa novità è contenuta all’interno del documento della commissione di vigilanza anagrafe tributaria di Camera e senato. 


Leggi anche: Cashback 2021: come ed entro quando fare reclamo

Questo cambiamento previsto riuscirebbe a stravolgere tutto il sistema di compilazione della dichiarazione dei redditi, così facendo si riuscirebbe anche a protendere verso quell’Italia cashless, cioè orientata vero i pagamenti elettronici, alla quale puntava il Governo Conte Bis. 

Piano Cashless: che cos’è e cosa prevede

Il piano cashless prevedeva tre pilastri: il cashback, che però è stato accantonato definitivamente con la Legge di Bilancio 2022, la lotteria degli scontrini e il limite per l’uso del contante. A partire dal primo gennaio 2022 infatti è stato stabilito il limite di 100 euro per i pagamenti in contante. 

L’Italia dice addio alle dichiarazioni dei redditi? La proposta è stata fatta all’interno dell’indagine conoscitiva “Digitalizzazione e interoperabilità delle banche dati fiscali”, quest’ultima punta a sfruttare la tecnologia dell’app IO della Pubblica Amministrazione applicandola alle detrazioni fiscali. Facendo così tutti i rimborsi, riferiti alle spese detraibili, sarebbero accreditati sul conto corrente.

Il meccanismo alla base di questa nuova modalità è identica a quella del cashback: dovrà essere registrata la carta o il bancomat, indicando l’iban. Chiaramente per far si che la detrazione fiscale sia applicabile il pagamento deve essere tracciabile, quindi non in contante, ma attraverso carta di credito o debito; carta prepagata; assegno bancario circolare.


Potrebbe interessarti: Cashback tona nel 2022: novità e chi potrà usarlo

Le spese sanitarie sono un’eccezione, si può continuare a pagare in contante senza perdere la detrazione, come ad esempio per i farmaci e dispositivi medici; visite mediche presso strutture pubbliche; visite mediche presso strutture private accreditate con il SSN.