Dichiarazione precompilata IVA 2023: come funziona e chi riguarda

Luca Paolucci
  • Laurea in Economia e Management
  • Laureato in Management Internazionale
11/01/2023

Dopo la fase sperimentale dello scorso anno, è pronta a fare il proprio esordio in forma piena la dichiarazione precompilata IVA, una delle novità previste nel Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza. Vediamo insieme come funziona e a quali soggetti sarà rivolta.

business-finance-man-calculating-budget-numbers-invoices-financial-adviser-working-min

Nel mese di febbraio 2023 esordirà la dichiarazione precompilata IVA annuale, dopo la prima sperimentazione avvenuta nella seconda metà dello scorso anno.

Vediamo nel seguente articolo come funzionerà e quali sono i soggetti interessati da questa novità.

Dichiarazione precompilata IVA 2023: a febbraio l’esordio

closeup-of-business-woman-making-notes-in-document-min (1)

Manca poco all’esordio ufficiale nella dichiarazione precompilata IVA, dopo la prima fase sperimentale attuata nel secondo semestre del 2022. Bisognerà aspettare il mese di febbraio, quando l’Agenzia dell’Entrate inizierà ad inviarla ad autonomi e professionisti interessati.

La precompilata verrà predisposta utilizzando le informazioni già in possesso dell’Agenzia delle Entrate e recuperate dai registri IVA precompilati dei dati dei corrispettivi giornalieri telematici per le operazioni con i consumatori, delle liquidazioni periodiche e dei dati dell’anagrafe tributaria.

Nello specifico, i documenti precompilati utilizzeranno i dati provenienti dalle fatture elettroniche e dai corrispettivi giornalieri messi a disposizione dall’Agenzia delle Entrate in un’apposita area web riservata alle partite IVA (denominata “Fatture e corrispettivi“), all’interno della quale i soggetti interessati potranno consultare i dati e stampare le comunicazioni e i documenti di cui hanno necessità.

Dichiarazione precompilata IVA 2023: chi riguarderà?

office-with-documents-money-accounts-min

Secondo quanto indicato dall’Agenzia delle Entrate, la platea dei soggetti interessati dalla nuova precompilata sarà di circa 2,3 milioni di partite IVA.

Sono ricomprese tutte le partite IVA che liquidano l’imposta trimestralmente, oltre ai soggetti attivi in particolari settori per i quali sono previsti regimi speciali o che applicano l’IVA separatamente, per legge o per opzione, oppure aderiscono alla liquidazione dell’IVA di gruppo, partecipano ad un gruppo IVA o per i quali nell’anno di riferimento è stato dichiarato il fallimento o la liquidazione coatta amministrativa.

Sono inclusi anche i seguenti soggetti:

  • gli agricoltori;
  • la Pubblica Amministrazione;
  • i commercianti al minuto che trasmettono i corrispettivi senza distinzione per aliquote e ripartiscono l’ammontare;
  • gli operatori che trasmettono i corrispettivi per le cessioni di benzina o gasolio e per le cessioni di beni o prestazioni con distributori automatici;
  • i contribuenti IVA che erogano prestazioni sanitarie;
  • i contribuenti che, per l’anno d’imposta 2022, liquidano la contabilità IVA per cassa.