Draghi: abolizione o modifica del Reddito di Cittadinanza?

07/09/2021

La situazione politica legata al Reddito di Cittadinanza si sta ingrigendo sempre di più e il Presidente del Consiglio Mario Draghi è chiamato a risolvere una questione molto spinosa. La linea dovrebbe essere quella di procedere con vari aggiustamenti ma senza stravolgere la norma.

Italian PM Draghi attends a press conference

Reddito di Cittadinanza: lo scontro sulla misura socio-economica voluta fortemente dal Movimento 5 Stelle è nata quando la Lega, ai tempi favorevole all’introduzione, ha dichiarato la contrarietà insieme a Italia Viva.

Il nodo della questione è che queste forze politiche fanno parte della maggioranza, dunque un eventuale scontro potrebbe degenerare in una crisi politica.

Vediamo tutte le mosse che sta studiando Draghi e i possibili scenari.

Reddito di Cittadinanza: cosa potrebbe cambiare?

LA CARD DEL REDDITO DI CITTADINANZATESSERA

L’idea di fondo è quella di implementare delle novità al Reddito di Cittadinanza, in modo tale da non snaturarlo ma da migliorarlo nei punti più critici.


Leggi anche: Reddito di cittadinanza giugno 2021: scadenze e pagamenti

Si parte dall’iter burocratico più snello, in linea con il decreto Semplificazioni, e sicuramente sul meccanismo di rinuncia al posto di lavoro. Riguardo quest’ultimo punto il dibattito è più acceso che mai, in quanto il RdC è stato additato di essere il colpevole della mancanza di lavoratori (soprattutto stagionali).

Al momento non ci sono ancora delle strategie ufficiali, in quanto si sta attendendo il parere del Comitato Scientifico atteso per la metà di ottobre.

Le posizioni dei partiti politici a riguardo

salvini_serio_fg

Il leader della Lega Matteo Salvini ha già confermato la sua volontà di eliminare il Reddito di Cittadinanza:

“Oggi riconfermerò il fatto che ho l’onore di mettere la mia prima firma su una proposta di legge finanziaria per eliminare il Reddito di Cittadinanza. Sono 8 miliardi di euro mal spesi che devono tornare nel settore produttivo per creare lavoro vero e non assistenza. Poteva avere un senso tre anni fa, ma ora abbiamo visto che non funziona e dobbiamo assolutamente cancellare il reddito di cittadinanza”.

Sulla stessa linea anche Italia Vita, mentre Conte e il M5S si auspicano un proseguimento del programma:

“C’è chi ne propone l’abolizione, ma il Reddito di Cittadinanza è una misura di necessità e non solo di civiltà. Non possiamo tornare indietro, dopo di che discutiamo pure di modifiche che valgano a migliorarne ancor di più l’efficacia”.


Potrebbe interessarti: Reddito di cittadinanza, prelievo cash: regole e limite mensile

Mattia Anastasi
  • Laureato in Economia Aziendale con curriculum Manageriale
  • Laureando in Finanza e Metodi Quantitativi per l'Economia curriculum in Assicurazioni
  • Esperto in: Economia e Detrazioni Fiscali
Suggerisci una modifica