Elezioni 2022: alle 19 ha votato il 51,1% degli aventi diritto

Mattia Anastasi
  • Dott. in Economia Aziendale con curriculum Manageriale
25/09/2022

Proseguono gli aggiornamenti sull’affluenza alle urne per la tornata elettorale del 25 Settembre 2022. Il dato è in contrasto con quello della mattinata, che evidenziava un trend in linea con le recenti elezioni politiche. Vediamo le ultime novità sul fronte elezioni politiche.

Elezioni

E’ arrivata la notizia dell’affluenza alle 19 per la tornata elettorale di oggi 25 Settembre 2022: gli aggiornamenti evidenziano che ha votato un numero di elettori pari al 51,1% degli aventi diritto. Il dato va a cozzare con quello della mattinata che evidenziava un’affluenza pari al 19%, esattamente in linea con le ultime elezioni del 2018.

Le previsioni di scarsa affluenza, dovuta anche al maltempo che sta colpendo l’Italia, sembrano essere dunque confermate. Approfondiamo la questione insieme.

Affluenza elezioni 2022: i dati Regione per Regione

Elezioni

Vediamo i dati dell’affluenza al voto alle ore 19. Come anticipato, ha votato il 51,1% degli aventi diritto, dato in calo rispetto alle precedenti elezioni politiche del 2018. Le Regioni che hanno avuto l’affluenza più alta sono le seguenti:

Lombardia (58,81% contro il 62,81); Toscana (58,07% contro il 63,87%); Emilia Romagna (59,80% contro il 66,98%); Lazio (53,18 contro il 54,47). Tra quelle con l’affluenza più bassa ci sono: Basilicata (41,27% contro il 53,13%); Campania (38,72% contro il 52,52%); Molise (44.04% contro il 56,46%); Calabria (36,92% contro il 49,64%) e Sardegna (40,48% contro il 52,20%).

Per il dato finale sull’affluenza bisognerà attendere le 23, ossia il momento esatto della chiusura dei seggi elettorali.

Elezioni 2022: quando si saprà il risultato?

Elezioni

Cerchiamo ora di capire quando si saprà il risultato delle elezioni. Con la chiusura dei seggi alle 23, inizierà lo spoglio ufficiale delle schede e dopo circa qualche ora si saprà già quale è il trend. Ovviamente vi sono dei margini d’incertezza da tenere conto, soprattutto in base alla territorialità, che è sempre un elemento molto importante.

A livello di orari, per la Camera ci sarà da attendere fino alle 23:45 per avere un primo dato orientativo, mentre per il Senato l’annuncio arriverà alle 2 di notte.