Elezioni 2022: chi sono i favoriti secondo gli ultimi sondaggi?

Mattia Anastasi
  • Dott. in Economia Aziendale con curriculum Manageriale
25/09/2022

Urne aperte per la tornata elettorale, dove sono oltre 50 milioni gli italiani chiamati al voto. Queste elezioni sono fondamentali per stabilire se in Italia vi sarà effettivamente un nuovo ordine politico. Ma cosa dicono i sondaggi più recenti? Chi sono i favoriti a vincere le elezioni?

reddito di cittadinanza

I sondaggi non sono sempre attendibili, ma rappresentano la forma di previsione più efficace che si può utilizzare per eventi del genere. Gli addetti ai lavori hanno effettuato molti sondaggi nella giornata di ieri, andando a stabilire quali sono i favoriti e chi invece rischia di essere clamorosamente sconfitto da questa tornata elettorale.

Vediamo insieme partito per partito quali sono le percentuali e chi può essere il favorito.

Elezioni 2022: chi è il favorito?

salvini_serio_fg

Le più recenti raccolte di pareri circa il voto politico di oggi, mettono in evidenza che sarà la coalizione di centro-destra a stra vincere le elezioni. I tre partiti che la compongono, ossia Fratelli d’Italia, La Lega e Forza Italia, sembra che riusciranno ad avere oltre il 50% dei consensi, sufficienti per poter governare in autonomia.

Il primo partito dovrebbe essere senza dubbio quello di Giorgia Meloni, ormai sempre più forte del prossimo ruolo di premier per lei disegnato. Dietro è lotta serrata per le posizioni all’opposizione.

Elezioni 2022: ecco le altre preferenze degli italiani

enrico-letta

A seguire Fratelli d’Italia, si nota come gli italiani pongano al secondo posto il Partito Democratico di Letta, che diventerà il partito leader dell’opposizione al governo della Meloni. A seguire è lotta serrata tra la Lega di Matteo Salvini e il Movimento 5 Stelle. Stando ai recenti sondaggi, quest’ultimo avrebbe superato il Carroccio in quanto a preferenze.

Un ultimo testa a testa pone una serrata lotta tra Forza Italia e il terzo polo di Calenda e Renzi, che potrebbe essere un ago della bilancia fondamentale per la formazione del prossimo governo.