Elezioni: per sei milioni di italiani è già tempo di votare

Mattia Anastasi
  • Dott. in Economia Aziendale con curriculum Manageriale
10/09/2022

L’election day è stato fissato al 25 Settembre 2022, ma per circa sei milioni di italiani, il momento di mostrare il proprio voto politico è già arrivato. Si tratta di tutti coloro che sono residenti all’estero e che possono sfruttare il sistema messo a disposizione dal governo. Vediamo come funziona e fino a quando si potrà utilizzare.

Elezioni

Per poter votare anche se si è residenti all’estero, è necessario essere iscritti all’Aire, ossia l’anagrafe dei residenti all’estero. Al 31 Dicembre 2021 gli italiani iscritti presso tale istituto erano 5.806.068, e tutti possono esprimere il proprio consenso elettorale andando ad inviare il voto tramite il consolato.

La scadenza da rispettare è quella del 22 Settembre 2022: oltre tale data non sarà possibile inviare le schede. Approfondiamo insieme la vicenda nel seguente articolo.

Voto dall’estero: quanto incide sul nuovo Parlamento?

Elezioni

Con il nuovo sistema elettorale ogni area geografica italiana ha l’onere di nominare un determinato numero di deputati e senatori, che andranno a comporre il nuovo Parlamento italiano, Si ricorda che da questa tornata elettorale il numero dei membri del Parlamento sarà ridotto. Ma quanti membri dovranno votare i residenti all’estero?

I sei milioni di italiani che entro il 22 Settembre dovranno inviare il proprio voto tramite i consolati, dovranno eleggere ben 8 partecipanti alla nuova legislatura: si tratta di 8 deputati e 4 senatori.

Voto dall’estero: cosa c’è da sapere?

Elezioni

La possibilità concessa ai moltissimi italiani residenti all’estero, di esprimere il proprio voto nonostante la lontananza, è una fattispecie che è in vigore dal 2006. Da quel momento in poi il numero degli aventi diritto è raddoppiato, sintomo che sono sempre di più gli italiani che vanno a cercare fortuna all’estero.

Si stima che ogni anno siano oltre 100 mila gli italiani che scelgono di andare a vivere all’estero, nella maggior parte dei casi per motivi lavorativi. Il Bel Paese sta diventando sempre di più un luogo da abbandonare per trovare fortuna.