Esonero contributi partite IVA: requisiti e come funziona

03/07/2021

In attesa del decreto attuativo, l’INPS invita i possessori delle partite IVA a prepararsi all’anno bianco contributivo. In ottemperanza di ciò, è bene fare domanda per la DURC online, per semplificare la fase di verifica dei requisiti.

ROMA DESERTA

L’INPS sta sollecitando la verifica tramite la procedura DURC online. Attraverso questa sarà possibile verificare la regolarità contributiva del soggetto richiedente.

Tale regolarità è un requisito essenziale per aver accesso all’anno bianco contributivo, che prevede l’esonero dal versamento dei contributi per il 2021.

L’INPS sollecita la DURC online

inps-pensioni-1200×675

I commercialisti e i consulenti del lavoro hanno ricevuto una  missiva da parte dell’Istituto relativamente alla richiesta da effettuare per la DURC online, per i propri clienti. L’obiettivo principale è quello di velocizzare la procedura di riconoscimento dei requisiti per l’esonero dei versamenti dei contributi.


Leggi anche: Nuovi contributi a fondo perduto per partite Iva e professionisti

La velocizzazione richiesta è frutto della mancata attuazione del decreto attuativo del Ministero del Lavoro, che ancora non è stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale. Questo ritardo porta inevitabilmente alla richiesta di velocizzazione per verificare la regolarità dei contribuenti possessori di partita IVA.

In caso di irregolarità, sarà possibile muoversi per tempo e regolarizzare la propria posizione, per evitare intoppi successivi alla presentazione della domanda per l’esonero contributivo.

Tempistiche per i potenziali beneficiari

office-with-documents-and-money-accounts

L’esonero dei versamenti dei contributi è previsto per i soggetti che soddisfano i seguenti requisiti:

  • calo di fatturato o corrispettivi nel 2020 pari almeno al 33% rispetto al 2019;
  • reddito complessivo, derivante dall’attività esercitata, non superiore a 50.000 euro per il 2019;
  • non titolarità di pensione diretta (fatta esclusione dell’assegno ordinario d’invalidità o altri emolumenti corrisposti in caso di invalidità) o contratto di lavoro subordinato;
  • possesso, per l’appunto, della regolarità contributiva.

L’anno bianco fiscale si applica ai seguenti soggetti:

  • lavoratori iscritti alle gestioni speciali dell’AGO e lavoratori iscritti alla gestione separata;
  • professionisti iscritti agli enti gestori di forme obbligatorie di previdenza e assistenza;
  • medici, infermieri e altri professionisti e operatori alla L. 3/2018.

 

Mattia Anastasi
  • Laureato in Economia Aziendale con curriculum Manageriale
  • Laureando in Finanza e Metodi Quantitativi per l'Economia curriculum in Assicurazioni
  • Esperto in: Economia e Detrazioni Fiscali
Suggerisci una modifica