Fisco: novità Irpef e Flat tax

Mattia Anastasi
  • Dott. in Economia Aziendale con curriculum Manageriale
24/01/2023

Grandi novità in arrivo sul fronte Irpef e Flat tax per i contribuenti italiani: per quanto riguarda la prima, questa passerà a tre aliquote invece che quattro, mentre la Flat tax sarà estesa anche ai lavoratori dipendenti. Approfondiamo insieme la vicenda.

Tasse

La riforma fiscale è uno dei principali obiettivi del governo Meloni. Tra la fine di Febbraio e l’inizio di Marzo il viceministro dell’Economia, Maurizio Leo, dovrebbe presentare un testo per introdurre le nuove regole riguardanti Irpef, flat tax, detrazioni e anche Irap, Ires e Iva.

Tasse: l’Irpef diventa a tre aliquote

pagamenti tasse

Come abbiamo detto, è ufficiale il passaggio dell’Irpef a tre aliquote, ma prima è necessario trovare i soldi per coprire questi scostamenti. Le te nuove aliquote saranno al  23%, al 27% e al 43%. Si tratta di una riforma storica nella storia della tassa sul lavoro, che per alcuni porterà dei benefici, mentre per altri vi sarà un lieve innalzamento dell’imposizione fiscale.

Tasse: vi a al quoziente familiare

Oltre alle tre aliquote, sarà introdotto il quoziente familiare: di cosa si tratta? E’ un meccanismo che basa la tassazione sul numero di figli a carico. Se è vero che verranno favorite le famiglie con figli rispetto a quelle di single, è altrettanto vero che il rischio è che si favoriscano i nuclei in cui un componente non lavora.

Tasse: come cambiano le altre?

Oltre all’Irpef, potrebbero subire cambiamenti anche Ires, Irap e Iva. Uno degli scenari più probabili è che l’Irap sarà del tutto cancellata. Altra ipotesi è quella di lavorare a una riforma dell’Iva e delle aliquote agevolate (quelle al 4%, 5% e 10%). Difficile pensare un abbassamento dell’Iva.

Flat tax: introdotta anche per i dipendenti?

tasse calcolo

Veniamo ora al momento della flat tax: si vocifera infatti che questa potrà essere disposta anche per i lavoratori dipendenti e non solo per i professionisti. In questo modo, l’aliquota al 15% sarà inglobata nell’Irpef, divenendo così il primo ipotetico scaglione.