Flop assegno unico figli 2021: lo ha chiesto una famiglia su cinque

Rachele Luttazi
  • Esperta in welfare e bonus
  • Laurea Magistrale in Economia dell'Ambiente e della Cultura
29/08/2021

L’assegno unico ponte per i mesi che vanno da luglio a dicembre 2021 è partito all’inizio dello scorso mese, ma i dati diffusi dall’Inps rivelano l’insuccesso della misura introdotta dal Governo. Delle circa 1,8 milioni di famiglie aventi diritto, infatti, soltanto 352 mila avrebbero presentato domanda.

3687827L’Inps ha diffuso i dati in merito all’assegno unico per i figli e, sulla base di questi, la misura si è rivelata un flop.

Ricordiamo che l’assegno unico per i figli è una misura ponte varata dal Governo per i mesi che vanno da luglio a dicembre 2021 per le famiglie con figli da 0 a 18 anni, e ne possono beneficiare soltanto i disoccupati e i titolari di partita Iva, ossia coloro che non hanno accesso agli assegni familiari o ANF.

Assegno unico: l’Inps ne annuncia l’insuccesso

4008746Secondo i dati resi noti dall’Inps, le domande ricevute sono state circa 352 mila per un totale di altrettante famiglie con 596 mila minori, nonostante il Governo avesse stimato che gli aventi diritto all’assegno unico fossero circa 1,8 milioni di famiglie, con 2,7 milioni di minori.

Dunque, un numero inferiore al 20% delle famiglie italiane hanno presentato domanda per l’assegno unico ponte. Tuttavia, tra le famiglie conteggiate non sono compresi coloro che beneficiano del Reddito di Cittadinanza, in quanto non sono tenuti a presentare la richiesta.

La maggior parte delle domande provengono dalla Lombardia, seguita da Campania, Sicilia e Lazio.

Importi, beneficiari e scadenze

happy cute little kid girl read book with parentL’importo varia in base al numero dei figli e alla situazione economica certificata tramite Isee e si azzera oltre i 50 mila euro. Il beneficio medio è di 1.056 euro per nucleo e 674 euro per figlio.

La validità dei sei mesi è riservata ai disoccupati e ai titolari di partita IVA, ossia coloro che non hanno accesso agli assegni familiari o all’Assegno al Nucleo Familiare (ANF), residenti in Italia e soggetti alle imposte sul reddito. Dal 2022, con la riforma fiscale, l’assegno diventerà strutturale e universale.

La domanda per l’assegno unico temporaneo deve essere presentata entro il 31 dicembre 2021, tramite il portale web dell’Inps, il Contact Center Integrato o gli Istituti di patronato.