Flop bonus PC e internet 2021: quando scade e cosa cambia

Luca Paolucci
  • Esperto di: Politica, Economia e Detrazioni Fiscali
08/11/2021

Il bonus PC e internet 2021 non sta ottenendo il successo sperato: delle risorse stanziate per finanziare i voucher da 500 euro per la sottoscrizione da parte delle famiglie di un abbonamento internet, congiuntamente all’acquisto di un pc o di un tablet, circa la metà non state assegnate. Vediamo insieme quali sono i prossimi step della misura.

Flop bonus PC e internet 2021: quando scade e cosa cambia

Domani 9 novembre 2021 è prevista la chiusura della fase di domanda del bonus PC e internet, il voucher dall’importo massimo di 500 euro riconosciuto alle famiglie italiane che stipulano contratti di fornitura internet e acquistano un computer o un tablet.

Delle risorse stanziate per la misura, tuttavia, circa la metà sono rimaste inutilizzate: oltre 100 milioni di euro che attendono ancora di essere assegnati.

Per tale motivo il Governo Draghi starebbe pensando ad una seconda fase dell’incentivo rivolto, questa volta, alle imprese: vediamo insieme come potrebbe funzionare.

Bonus PC e internet: utilizzate metà delle risorse

top-border-euro-money-notes-min

Il bonus PC e internet è un incentivo introdotto dal secondo Governo Conte che prevede l’erogazione di un voucher dal valore massimo di 500 euro alle famiglie che sottoscrivono un abbonamento internet e acquistano congiuntamente un computer o un tablet.

La misura, pensata per ridurre il divario digitale tra le varie fasce della popolazione, non ha però riscontrato il successo sperato: dei 200 milioni di euro stanziati, infatti, solo la metà sono stati utilizzati.

Infratel, la società del Ministero dello Sviluppo Economico delegata alla gestione del bonus, ha reso noti i dati aggiornati:

“A dieci mesi dall’avvio della misura, le risorse impegnate ammontano a oltre 99 milioni di euro, pari al 49,5% dei fondi disponibili. Complessivamente, dal 9 novembre 2020, giorno a partire dal quale i cittadini interessati potevano richiedere l’incentivo agli operatori che hanno presentato offerte valide, sono stati attivati oltre 187.000 voucher in tutta Italia.”

Più di 100 milioni di euro, quindi, attendono ancora l’assegnazione, ma la scadenza della fase di domanda fissata per domani 9 novembre lascia pensare ad un disavanzo importante rispetto ai piani iniziali.

Rilancio bonus PC e internet: il piano del Governo

engineer-g483c00efe_1920

Per questo motivo il Governo Draghi sarebbe al lavoro su una sorta di “fase 2” dell’incentivo, che coinvolgerebbe questa volta le imprese e non più le famiglie italiane.

Nello specifico, l’intenzione dell’Esecutivo sarebbe quella di rifinanziare la misura con 500 milioni di euro introducendo tre differenti fasce di incentivi: la prima da 2.500 euro, la seconda da 1.300 euro e la terza da 1.000 euro.

Questa seconda fase dovrebbe prendere il via a cavallo tra il mese in corso e quello di dicembre, con novità importanti attese già a partire da questa settimana.