Formula 1, trionfo Ferrari in Bahrein: che giro d’affari genera la F1?

Mattia Anastasi
  • Dott. in Economia Aziendale con curriculum Manageriale
20/03/2022

Ha avuto inizio oggi lo spettacolo della Formula 1, con le Ferrari protagoniste assolute del Gran Premio inaugurale del Bahrein. Il blasone del cavallino rampante nel circus è elevatissimo, così come il giro d’affare creato: approfondiamo la questione.

Formula, Uno

Scoppiettante inizio del Mondiale 2022 di Formula 1, con le Ferrari subito protagoniste assolute nel Gran Premio del Bahrein. La vittoria è andata a Charles Leclerc, che ha dominato dal primo all’ultimo giro la gara dopo essere partito dalla pole position. Al secondo posto il compagno di squadra Carlos Sainz, autore di una gara meno brillante, ma comunque sostanziosa.

La Formula Uno è nota per essere uno degli sport più (e per) ricchi del mondo, con sponsor e magnati pronti ad investire milioni di dollari. Ma qual è il giro d’affari prodotto ogni anno?

Formula 1: la ripresa dopo la pandemia

Formula, 1

L’effetto della pandemia ha avuto un impatto devastante sulla Formula 1, in quanto quella che sarebbe dovuta essere la prima gara del Mondiale 2020 in Australia, è divenuto uno dei primi grandi eventi annullati per la pandemia, con le squadre già tutte in loco.

Due anni dopo, la potenza del circus ha dimostrato di essere anche resiliente, in grado di riprendersi sia sul fronte dello spettacolo che su quello economico. Nel 2021 infatti il giro d’affari generato è stato di 2,1 miliardi di euro, mostrando un incremento del 90% se si considerano i dati del 2020. A guidare i ricavi sono stati gli introiti degli sponsor e delle reti televisive.

Formula 1: un esempio di diversificazione commerciale

netflix-3733812_1920

A favorire la ripresa è stata sicuramente anche l’abilità dei gestori di diversificare ed ampliare le possibilità di introiti. Un primo esempio è quello di avere un calendario allargato, addirittura a 23 gare, con la fine del campionato mondiale prossima al Natale. Questo comporta uno sforzo enorme dei team ma anche maggiori entrate.

A dar manforte è inoltre la docu-serie prodotta in collaborazione con Netflix: Drive To Survive offre una prospettiva inedita sul mondo della Formula 1, con la possibilità di immergersi a pieno nel paddock, cogliendo tutte le reazioni a caldo.