Gas: il prezzo scenderà nel 2023?

Mattia Anastasi
  • Dott. in Economia Aziendale con curriculum Manageriale
20/12/2022

Le stime sui prezzi del gas lasciano ben sperare per il futuro, in quanto si prevedono costi più contenuti sia per quanto riguarda la borsa di Amsterdam che per quella americana. Anche l’agenzia di rating Fitch ha tagliato le proprie stime sui prezzi. Non si può dire lo stesso per i carburanti, il cui prezzo potrebbe aumentare di 12 centesimi.

gas prezzo

Fitch, famosa agenzia di rating nota in tutto il mondo, ha di recente resi noti i rating per quanto riguardo il prezzo del gas, del petrolio e dei carburanti. Sul fronte dell’energia, quindi del gas, arrivano buone notizie, in quanto si prevede una riduzione della spesa. Questo in quanto:

Si prevede un calo della domanda di gas in Europa a causa dei minori consumi industriali, le ampie forniture di gas naturale liquefatto (Gnl) e l’avvio della stagione invernale più mite del solito.

Vediamo tutto quello che c’è da sapere nel seguente articolo.

Carburanti: si attende un aumento?

gasoline-gf1c623327_1920

Se come vedremo il prezzo del gas è previsto essere in discesa, non si può dire la stessa cosa per quanto riguarda i carburanti, che dopo nove mesi evidenziano un aumento delle accise. Questo comporterà una risalita dei prezzi per benzina gasolio e Gpl di circa 12 centesimi al litro.

Questo è una conseguenza del decreto del Governo Meloni, che ha dimezzato lo sconto e lo Stato si riprende 10 centesimi in più al litro. Sommato con l’Iva al 22% (la solita odiatissima tassa sulla tassa), il rincaro complessivo è di 12,2 centesimi.

Gas: scende il prezzo dopo le feste?

Gas

Fitch ha deciso di rivedere in discesa il prezzo del gas dopo mesi in cui questo ha avuto un andamento rialzista, a causa principalmente del prezzo di scambio nei mercati di Amsterdam e USA. Il quadro economico che ne segue è molto complesso ed articolato, in quanto nel mese di Novembre il prezzo è fortemente risalito, andando ad erodere i margini delle società.

Ad evidenziare questa problematica è il Ministro per il Made in Italy Urso, preoccupato per la tenuta del tessuto aziendale italiano.