Impianti fotovoltaici gratuiti: nuove opportunità nel 2024 e 2025

Matteo Bertocci
  • Laureando presso l'Università di Perugia
14/08/2023

Il ministero dell’Ambiente e della sicurezza energetica varerà un fondo da 200 milioni di euro per consentire l’installazione gratuita di impianti fotovoltaici nel 2024 e 2025, tramite il reddito energetico

Impianti fotovoltaici gratuiti: nuove opportunità nel 2024 e 2025

Il futuro energetico si prospetta più verde e conveniente per le famiglie italiane grazie al nuovo fondo da 200 milioni di euro, istituito dal ministero dell’Ambiente e della sicurezza energetica. Nei prossimi due anni, il 2024 e il 2025, si intensificano le possibilità di ottenere un impianto fotovoltaico gratuito tramite il rinnovato strumento del reddito energetico, mantenendo un impegno continuo verso la transizione ecologica.

Il reddito energetico, in vigore già in diverse Regioni, sostiene l’acquisto, l’installazione, la connessione, la manutenzione, l’esercizio e l’assicurazione degli impianti fotovoltaici. Questo beneficio sarà esteso anche per il biennio 2024-2025, offrendo alle famiglie con limitate risorse economiche la possibilità di dotarsi gratuitamente di un sistema fotovoltaico e ridurre i costi in bolletta.

Un fondo per l’energia pulita: l’iniziativa del ministero dell’ambiente

Il ministero dell’Ambiente e della sicurezza energetica ha stanziato un fondo di 200 milioni di euro destinato all’acquisto e all’installazione di impianti fotovoltaici gratuiti durante il 2024 e il 2025. Queste risorse saranno gestite dal Gse (Gestore dei servizi energetici), un ente pubblico preposto ai sussidi per le fonti rinnovabili.

La decisione del ministro Gilberto Pichetto Fratin riflette un duplice obiettivo: da un lato, la tutela sociale, offrendo un aiuto concreto alle fasce meno abbienti della popolazione; dall’altro, la promozione dell’utilizzo delle energie rinnovabili per preservare l’ambiente.

Focus sulle regioni del sud e requisiti per l’accesso al bonus

L’iniziativa prevede una maggiore attenzione alle Regioni del Sud Italia, alle quali verrà destinato l’80% delle risorse. In particolare, residenti in regioni come Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Molise, Puglia, Sardegna e Sicilia avranno maggiori opportunità di accedere al bonus.

Le famiglie in stato di bisogno economico, con un Isee inferiore a 15 mila euro, o con almeno 4 figli a carico e un Isee inferiore a 30 mila euro, saranno le categorie ammissibili ai bandi regionali per l’assegnazione delle risorse. Inoltre, gli impianti fotovoltaici dovranno rispettare specifiche caratteristiche, con una potenza che varia da 2 kW a 6 kW.

Un vantaggio economico e ambientale

Il Fondo reddito energetico rappresenta un’opportunità senza precedenti per le famiglie italiane. Grazie a questo incentivo, i beneficiari potranno risparmiare l’intero costo dell’impianto fotovoltaico, che può ammontare a cifre considerevoli. Per un impianto da 6 kW, i costi attuali oscillano tra 12 e 15 mila euro, con la possibilità di risparmiare ulteriormente evitando l’aggiunta di un accumulatore.

L’iniziativa non solo offre un risparmio tangibile, ma dimostra come investire nell’energia pulita possa coniugare vantaggi economici e un’impronta ecologica ridotta. Con il sostegno del governo verso soluzioni sostenibili, si profila un futuro brillante per il paesaggio energetico italiano.