IMU 2021: esenzione prima rata

05/05/2021

Decreto Sostegni Bis: prevista l’esenzione dal pagamento della prima rata IMU 2021 per le attività che dispongono dei requisiti per accedere ai contributi a fondo perduto. Vediamo più nello specifico quali soggetti potrebbero beneficiare di questa importante agevolazione fiscale.

money-2724248_1920

Continuano ad emergere le numerose agevolazioni fiscali contenute nel prossimo decreto Sostegni Bis.

Tra queste pare esserci anche l’esenzione dal pagamento della prima rata IMU del 2021 per tutte quelle attività idonee a beneficiare dei contributi a fondo perduto.

Oltre a questi requisiti, definiti dal primo decreto Sostegni, per poter giovare dell’esenzione sarebbe richiesto anche che i soggetti passivi IMU siano effettivamente i gestori delle suddette attività.

Dl Sostegni Bis: prevista esenzione della prima rata IMU 2021

Former President of ECB, Mario Draghi

Iniziano a circolare sempre più informazioni sulle novità fiscali contenute nel decreto Sostegni Bis ancora al vaglio dell’Esecutivo.


Leggi anche: Esenzione canone RAI 2021: come richiederlo

Tra i numerosi aiuti destinati alle imprese in difficoltà il Governo avrebbe previsto anche l’esenzione dal pagamento della prima rata IMU 2021 per molte attività commerciali.

Una misura confermata ulteriormente dall’avvenuta creazione di un fondo da oltre 140 milioni di euro da destinare ai Comuni, i quali dovranno a questo punto fare i conti con una sicura riduzione delle entrate.

Ma quali sono le attività che potranno beneficiare dell’esenzione?

Esezione prima rata IMU 2021: i requisiti

house-167734_1920

Sulla base della bozza del decreto Sostegni Bis datata 30 aprile, l’esenzione dal pagamento della prima rata IMU del 2021 spetterebbe a tutte le attività che dispongono dei requisiti necessari per beneficiare dei contributi a fondo perduto, quindi:

  • un fatturato annuale non superiore ai 10 milioni di euro;
  • una perdita di fatturato minima del 30% tra il 2020 e il 2019.

A questi, poi, si aggiungerebbe un ulteriore requisito: l’esenzione, infatti, si applicherebbe solo a quegli immobili in cui il soggetto passivo IMU si occupa direttamente della gestione dell’attività.

Come detto, non c’è ancora nulla di definitivo a riguardo ma, se confermata, l’esenzione dalla prima rata IMU sarebbe una misura di aiuto estremamente importante che andrebbe a coinvolgere migliaia di attività sparse in tutto il Paese.

 

 

 

 

Luca Paolucci
  • Laurea in Economia e Management
  • Laureando in Management Internazionale
  • Esperto di: Politica, Economia e Detrazioni Fiscali
Suggerisci una modifica