IMU 2022 esonero: quando e chi non deve pagare l’imposta?

Rachele Luttazi
  • Esperta in welfare e bonus
  • Laurea Magistrale in Economia dell'Ambiente e della Cultura
22/05/2022

Si avvicina la scadenza della prima rata IMU e per questo motivo molti contribuenti si chiedono chi è esentato dal pagamento della tassa e qual è la soglia dell’importo per cui l’IMU non è dovuta. Vediamo insieme.

crop-hand-holding-house-near-coins (1)-min

Anche per il 2022 diversi possessori di immobili dovranno pagare l’IMU, e la scadenza della prima rata è il 16 giugno, mentre la seconda rata a titolo di saldo, deve essere versata entro il 16 dicembre.

Tuttavia, sono previsti diversi casi di esonero, compreso quello per cui se l’importo raggiunge una determinata soglia, la tassa non deve essere pagata. Vediamo insieme a quanto ammonta il limite in questione e quando si ha diritto all’esonero.

IMU 2022: cos’è e come funziona

world-habitat-day-close-up-picture-of-a-pile-of-coins-and-a-model-house (1)-min

L’Imposta Municipale Propria è il tributo introdotto dal governo Monti nel 2011 e si paga a livello comunale sul possesso dei beni immobiliari. L’IMU è obbligatoria per chi è:

  • proprietario di fabbricati, aree fabbricabili e terreni;
  • titolare del diritto reale di usufrutto, uso, abitazione, enfiteusi, superficie;
  • coniuge assegnatario della casa coniugale a seguito di separazione legale, annullamento, scioglimento o cessazione degli effetti civili del matrimonio (ma solo nel caso di abitazione “di lusso”);
  • concessionario nel caso di concessione di aree demaniali;
  • locatario per gli immobili, anche da costruire o in corso di costruzione, concessi in locazione finanziaria.

Quando non si paga l’IMU?

IMU 2022 esonero: quando e chi non deve pagare l’imposta?

Come chiarito dall’ordinanza n.94 depositata il 12 aprile 2022 dalla Corte Costituzionale, l’esonero dall’IMU spetta quando sia il possessore dell’immobile che i componenti del suo nucleo familiare abbiano la stessa residenza anagrafica e dimora abituale. Tuttavia, per poter usufruire del diritto di tale esonero è necessario essere sposati o aver conseguito l’unione civile; pertanto, le coppie di mero fatto sono escluse.

Inoltre, sono esenti dal pagamento dell’IMU i possessori delle abitazioni principali accatastate nelle categorie A/2, A/3, A/4, A/5, A/6, A/7 e delle relative pertinenze, oltre che i terreni agricoli ubicati nei Comuni elencati nella Circolare n. 9 del Ministero delle Finanze datata 14 giugno 1993. In più sono esenti i terreni agricoli:

  • posseduti e condotti dai coltivatori diretti e dagli imprenditori agricoli professionali indicati nell’articolo 1 del decreto legislativo 99 del 2004, iscritti nella previdenza agricola, indipendentemente dalla loro ubicazione;
  • ubicati nei Comuni delle isole minori indicati nell’allegato A della legge 448 del 2001;
  • a immutabile destinazione agro-silvo-pastorale a proprietà collettiva indivisibile e inusucapibile.

Infine, c’è un’ultima opzione di esonero, ossia quando l’imposta è pari o inferiore a 12 euro, il pagamento non è dovuto.