IMU 2022, la guida: calcolo, pagamento e scadenza

Luca Paolucci
  • Laurea in Economia e Management
  • Laureato in Management Internazionale
01/11/2022

L’IMU è la tassa obbligatoria dovuta per il possesso delle seconde abitazioni sul territorio italiano, e devono pagarla i proprietari o chiunque sia titolare di un diritto reale di godimento sulla proprietà. Vediamo nel seguente articolo come si calcola l’importo e in che modi è possibile pagare.

world-habitat-day-close-up-picture-of-a-pile-of-coins-and-a-model-house-min

L’IMU è un’imposta obbligatoria dovuta da chiunque possieda una seconda abitazione. Quest’anno l’IMU si può versare in due rate: la prima in acconto entro il 16 giugno e la seconda rata a saldo entro il 16 dicembre, sulla base delle nuove aliquote dell’anno in corso approvate con delibera comunale.

Vediamo insieme come si calcola l’importo dell’IMU e in che modi è possibile pagarla.

IMU 2022: cos’è e quando si paga

crop-hand-holding-house-near-coins-min

L’IMU, Imposta Municipale Propria, è la tassa obbligatoria sulle seconde case. Dal 2013, infatti, l’IMU non deve essere versata sull’abitazione principale, a meno che non si tratti di una casa di lusso.

Il pagamento dell’IMU spetta ai proprietari di fabbricati, terreni e aree fabbricabili, nonché ai titolari di diritti di usufrutto, abitazione, superficie, uso ed enfiteusi e ai titolari del diritto di godimento della casa coniugale assegnata dal giudice in caso di separazione o divorzio.

Rientrano tra le seconde case tutte quelle facenti parte del gruppo catastale A (ad eccezione della categoria A10, per le quali è previsto un altro coefficiente di calcolo) in cui il proprietario non risiede abitualmente.

Il pagament0 viene fatto in due rate, scadenti la prima il 16 giugno e la seconda il 16 dicembre, con possibilità di versare interamente il dovuto entro il 16 giugno.

IMU 2022: calcolo e pagamento

house-167734_1920

Per calcolare l’IMU sulla seconda casa occorre conoscere il valore fiscale dell’immobile, ossia la rendita catastale indicata nella visura catastale, l’aliquota comunale e il coefficiente IMU seconda casa, che è pari a 160.

Il valore dell’imposta da pagare si calcola nel seguente modo:

  • aggiungere alla rendita catastale il 5%;
  • moltiplicare il valore ottenuto per il coefficiente IMU seconda casa, ossia 160;
  • moltiplicare il risultato per l’aliquota comunale.

Sui siti delle amministrazioni comunali, in ogni caso, è in genere presente un software per stimare l’IMU dovuta.

Per quanto riguarda il versamento dell’IMU, questo deve essere effettuato tramite modello F24, riportando all’interno della sezione “IMU e altri tributi locali” la cifra da pagare. Il versamento può essere effettuato:

  • in banca;
  • negli uffici postali;
  • online attraverso servizi di remote banking;
  • presso agenti della riscossione dotati di terminali elettronici idonei.