IMU: chi pagherà meno nel 2022

Mattia Anastasi
  • Dott. in Economia Aziendale con curriculum Manageriale
23/12/2021

L’IMU è una delle imposte più importanti da applicare sulla casa e porta ogni anno milioni di italiani al pagamento. Per il 2022 però vi sarà una novità: una categoria specifica potrebbe pagare meno soldi di IMU. Vediamo insieme per chi e quanto si risparmierà.

Casa

L’accordo sulle decurtazioni IMU è stato finalmente raggiunto tra i partiti politici, che per il 2022 permetteranno ai pensionati residenti all’estero di pagare l’imposta sulla casa ad aliquota ridotta. Infatti coloro che sono proprietari di un immobile, non affittato, all’estero avranno l’IMU abbassata al 10%.

Questa novità è stata già discussa in parlamento e verrà aggiunta alla nuova Legge di Bilancio tramite un apposito emendamento.

IMU: i pensionati residenti all’estero pagheranno meno

bonus-casa

Le frenetiche ultime ore prima dell’approvazione delle nuova Legge di Bilancio spesso portano ad effettuare emendamenti dell’ultimo momento: ed è ciò che è avvenuto con l’IMU per i pensionati residenti all’estero. Questi vedranno un’aliquota ridotta al 10% su un immobile di loro proprietà, locato in Italia, non posto a contratto di affitto.

I requisiti per approfittare di tale agevolazione sono gli stessi previsti per il 2021, dunque è necessario essere pensionati residenti all’estero e, allo stesso tempo, essere proprietari di immobile ad uso abitativo non affittato. Attenzione però: il domicilio deve essere posto nei così detti Paesi convenzionati, ossia quelli che hanno stipulato una convenzione con il governo italiano.

Italiani residenti all’estero: cosa è cambiato negli ultimi anni?

Lavori, Casa

Lo Stato si occupa di regolamentare anche le vicende degli italiani residenti all’estero, come abbiamo visto ora per l’IMU per case di proprietà. Fino al 2019 infatti, per gli italiani residenti all’estero, l’IMU per le case possedute in Italia non era dovuta: ora invece è assolutamente necessario pagare l’IMU su tali immobili di proprietà.

Tale regola è stata estesa anche ai pensionati, che avranno un’imposta del 10% sugli immobili posseduti in Italia non sottoposti a contratto di affitto. Tale pagamento in precedenza era dovuto solo se l’immobile era posto sotto contratto di affitto o comodato d’uso.