Imu: cosa cambia per i coniugi?

Mattia Anastasi
  • Dott. in Economia Aziendale con curriculum Manageriale
06/12/2021

A livello normativo può verificarsi un caso molto particolare riguardo la residenza scelta da due coniugi. Qualora infatti questa fosse in due abitazioni stanti in due comuni diversi, come si procede al pagamento Imu? Scopriamo quali sono le novità dell’apposito emendamento.

bonus-casa

Dopo una lunga attesa si è finalmente arrivati ad una conclusione su una questione abbastanza spinosa legata al pagamento dell’Imu, in un caso molto particolare. Può infatti capitare che due coniugi decidano di porre la residenza in due abitazioni che si trovano in due comuni diversi: con un emendamento al Dl 146/2021 si è stabilito infatti che si può scegliere quale immobile esentare dal pagamento dell’Imu.

Residenza su due abitazioni: cosa prevede il nuovo emendamento

Lavori, Casa

Analizziamo insieme la fattispecie. Ai coniugi viene imposto per legge di fissare la residenza ed è concesso anche di poterla porre in due abitazioni differenti, che siano collocate in due comuni differenti: come ci si comporta per il pagamento dell’Imu? La questione ha tenuto a lungo occupati i legislatori, che sono comunque arrivati a redigere un emendamento al Dl 146/2021, intervenendo finalmente sulla questione.


Leggi anche: Bonus prima casa 2021: requisiti, beneficiari e come funzionano

Ciò che ne è risultato è che i coniugi sono liberi di selezionare quale abitazione sarà esente dal pagamento della tassa sulla casa, dunque il caso di due comuni differenti viene superato equiparandolo allo stesso comune.

Quali problematiche potrebbero verificarsi?

Casa

Vi sono però delle problematiche che rimangono irrisolte ed altre che sorgono a livello operativo. Ad esempio, coloro che devono procedere al saldo Imu del 16 Dicembre, a quale norma devono fare riferimento? Per questo si deve fare affidamento alla data di conversione in legge dell’emendamento.

Dunque qualora dovesse divenire ufficiale entro il 15 Dicembre, un mese del 2021 ricadrebbe in questa nuova norma, altrimenti tutto slitterebbe al 2022. Oltre a tale problema, ne potrebbero sorgere altri a livello operativo sull’interpretazione della norma, che secondo i giuristi cozzerebbe con una sentenza della Cassazione.