IMU terreni agricoli 2022 in scadenza: importi e chi non deve pagare

Scade il prossimo 16 dicembre il tempo utile per procedere al versamento del saldo IMU 2022 sui terreni agricoli, dopo l’acconto già dovuto entro il 16 giugno scorso. Vediamo nel seguente articolo come calcolare l’importo da pagare e in quali casi si è esonerati dall’imposta. 

tractor-agricultural-machine-cultivating-field (1)

Anche chi possiede dei terreni agricoli è tenuto al pagamento dell’IMU. Il meccanismo di  riscossione dell’imposta prevede due tranche annuali: il primo acconto con scadenza 16 giugno, il saldo con scadenza 16 dicembre.

Entro venerdì della prossima settimana, di conseguenza, i soggetti obbligati dovranno provvedere al versamento delle somme dovute. Vediamo nel dettaglio come si calcola l’IMU sui terreni agricoli e quali sono i casi di esonero definiti dal legislatore.

IMU terreni agricoli: scadenza ed esoneri

tractor-g55c4538d5_1920

Venerdì 16 dicembre 2022 è l’ultimo giorno utile per versare il saldo IMU sui terreni agricoli, compresi quelli incolti e gli orti, sulla base di quanto introdotto con la Legge di Stabilità 2016.

Il presupposto per il pagamento dell’imposta è il possesso di fabbricati, aree fabbricabili e terreni agricoli. Nello specifico, sono obbligati al pagamento dell’imposta il proprietario o il titolare di altro diritto reale (usufrutto, uso, abitazione, enfiteusi, superficie), il concessionario nel caso di concessione di aree demaniali e il locatario in caso di leasing.

Questi, invece, i casi in cui si è esonerati dal versamento dell’imposta:

  • i terreni posseduti e condotti dai coltivatori diretti e dagli imprenditori agricoli professionali (IAP), indipendentemente dalla loro ubicazione;
  • i terreni a immutabile destinazione agrosilvo-pastorale a proprietà collettiva indivisibile e inusucapibile;
  • i terreni ubicati nei comuni delle isole minori (di cui all’allegato A annesso alla legge n. 448 del 28 dicembre 2001);
  • i terreni nei comuni montani, parzialmente montani, collinari o pianeggianti, individuati nella circolare n. 9 del Ministero dell’Economia datata 14 giugno 1993.

Come calcolare l’IMU sui terreni agricoli

money-notepad-and-calculator-on-the-table

Per quanto riguarda il calcolo dell’IMU sui terreni agricoli, bisogna applicare l’aliquota ordinaria dello 0,76% al reddito domenicale al 1° di gennaio dell’anno di riferimento, rivalutato del 25% e moltiplicato per il coefficiente 135.

L’aliquota ordinaria dello 0,76% è soggetta ad aumento o diminuzione nel limite dello 0,3% da parte dei singoli Comuni: l’aliquota ordinaria, di fatto, può variare in ogni Comune da un minimo di 0,46% ad un massimo di 1,06%.

È possibile consultare le aliquote dei vari Comuni sul sito internet del Ministero dell’Economia e delle Finanze.

Lascia un commento