Incentivi auto e moto 2022: importi e sconti in base ai modelli

Luca Paolucci
  • Esperto di: Politica, Economia e Detrazioni Fiscali
13/04/2022

Auto e moto elettriche: arrivano i nuovi incentivi. Il premier Draghi ha firmato il DPCM che sblocca il finanziamento: ben 650 i milioni di euro stanziati per ciascuno degli anni 2022, 2023 e 2024. Vediamo nel dettaglio come funziona la misura e quali sono gli importi erogati per tipologia di veicolo.

handsome-and-elegant-man-in-a-car-salon-min

Il nuovo DPCM firmato dal premier Draghi ufficializza i nuovi incentivi per l’acquisto di auto e moto elettriche, ibride e a basse emissioni.

Il provvedimento ha stanziato 650 milioni di euro per ciascuno degli anni 2022, 2023 e 2024: vediamo nel seguente articolo quali sono gli importi erogati in base alla tipologia di veicolo acquistato.

Incentivi auto 2022: come funzionano

human-hand-is-holding-electric-car-charging-connect-to-electric-car-min

Gli incentivi auto e moto 2022 sono concessi alle persone fisiche e sono strutturati secondo il seguente schema:

  • 3.000 euro per l’acquisto di veicoli nuovi di categoria M1 nella fascia di emissioni 0-20 g/km (elettriche), con un prezzo fino a 35.000 euro + Iva, a cui potranno aggiungersi ulteriori 2.000 euro se è contestualmente rottamata un’auto omologata in una classe inferiore ad Euro 5;
  • 4.000 euro per l’acquisto di veicoli nuovi di categoria M1 nella fascia di emissioni 21-60 g/km (ibride plug-in), con un prezzo fino a 45.000 euro + Iva, a cui potranno aggiungersi ulteriori 2.000 euro se è contestualmente rottamata un’auto omologata in una classe inferiore ad Euro 5;
  • 2.000 euro per l’acquisto di veicoli nuovi di categoria M1 nella fascia di emissioni 61-135 g/km (endotermiche a basse emissioni), con un prezzo fino a 35.000 euro + Iva, solo se è contestualmente rottamata un’auto omologata in una classe inferiore ad Euro 5.

Incentivi moto 2022: come funzionano

wall-g0e73db43d_1920

Il DPCM firmato da Draghi introduce anche nuovi incentivi per l’acquisto di moto elettriche e ibride, finanziati con 15 milioni di euro per gli anni 2022, 2023 e 2024.

Per le due ruote appartenenti alle categorie L1e, L2e, L3e, L4e, L5e, L6e, L7 è previsto, solo in caso di rottamazione:

  • un contributo del 30% del prezzo di acquisto, fino ad un massimo di 3.000 euro;
  • un contributo del 40% del prezzo di acquisto, fino ad un massimo di 4.000 euro, se viene rottamata una moto in una classe da Euro 0 a 3.

Per i ciclomotori e motocicli termici nuovi appartenenti alle categorie L1e, L2e, L3e, L4e, L5e, L6e, L7, invece, è previsto uno sconto del venditore pari al 5% del prezzo di acquisto più un contributo, in caso di rottamazione, del 40% del prezzo d’acquisto, fino ad un massimo di 2.500 euro.