Incentivi auto: le novità in arrivo

Mattia Anastasi
  • Dott. in Economia Aziendale con curriculum Manageriale
25/05/2022

Il governo si è impegnato a pubblicare le Faq aggiornate relative agli incentivi auto, che hanno avuto il via in questa settimana. Tra i punti più attesi vi erano i chiarimenti legati alla distinzione tra noleggio e car sharing, attese che sono state deluse in quanto nulla è stato detto.

Auto, Elettriche

Il Ministero dello Sviluppo Economico, guidato dal leghista Giorgetti, ha pubblicato le Faq relative ai nuovi incentivi auto, con l’intento di sciogliere gli ultimi dubbi in essere. Si spazia dal numero massimo di auto che si possono acquistare, all’estensione del bonus alle partite IVA. Nulla è stato chiarito circa la distinzione tra car sharing e noleggio di auto.

Scopriamo insieme tutte le novità relative al bonus, comunicate dal MISE tramite le Faq.

Incentivi auto: cosa cambia con le nuove Faq?

bollo-auto-1200×675

Vediamo subito quali chiarimenti e su quali aspetti sono intervenute le Faq rilasciate dal Mise nella giornata di ieri. Il nuovo piano di incentivi durerà sicuramente fino al 2024, con l’intento di proseguire fino al 2030, anno in cui si prevede la svolta nel settore dell’automobile. Uno dei punti toccati è quello relativo al numero di auto che si possono acquistare.

Stando a quanto annunciato infatti non vi è alcun limite al numero di auto che si possono prendere utilizzando i nuovi bonus. Vi sono novità anche per quanto riguarda i soggetti che andranno ad acquistare i veicoli.

Incentivi auto: non solo per le persone fisiche

Auto, Elettriche

Gli inventivi, stando al testo originario del 6 Aprile 2022, erano destinati esclusivamente alle persone fisiche, senza alcun riferimento alle società e alle imprese. Con le nuove Faq però sembra esserci un’apertura verso l’imprenditoria. Si legge infatti: “non è previsto alcun limite alle possibilità di prenotare più veicoli per uno stesso soggetto”.

Infine un cenno alle partite IVA: queste non vengono citate nelle nuove Faq, ma si lascia intendere che anche le persone fisiche titolai di partita IVA possono usufruire del bonus.