Incentivi auto: nuove modifiche in arrivo?

Mattia Anastasi
  • Dott. in Economia Aziendale con curriculum Manageriale
19/05/2022

Anche se si tratta di incentivi introdotti ancora da pochissimo tempo, il governo sta già valutando di apportare delle modifiche ai bonus automobili e moto. E’ parola del Ministro del Mise Giorgetti, che appunto non ha escluso la possibilità di nuove modifiche: approfondiamo insieme la vicenda!

Automobili

Dopo il via ufficiale ai nuovi incentivi per automobili e motociclette, avvenuto lunedì 16 Maggio 2022, il governo sta già facendo delle valutazioni per apportare delle modifiche. Lo ha annunciato a Verona il Ministro del MISE Giorgetti, che ha sottolineato l’importanza degli aiuti del governo alle imprese del settore.

Aprile è stato un altro mese all’insegna delle perdite: che sia forse il caso di assistere le imprese con aiuti statali?

Incentivi auto: presto nuove modifiche

Auto, Elettriche

Intervenuto al congresso di Verona, Automotive Dealer Day, il Ministro leghista Giorgetti ha sottolineato quanto il governo sia all’opera per migliorare una misura che è ancora in fase embrionale e che dunque è “perfettibile” sotto molti punti di vista. Nella forma attuale infatti, lo scopo è quello di rilanciare gli acquisti, orientandoli sempre più verso vetture elettriche o ibride.

Il nodo resta quello del costo, ancora molto elevato anche per case costruttrici tipicamente alla portata di tutti. Gli sconti fino ad un massimo di 5 mila euro servono proprio a questo: avvicinare più potenziali acquirenti possibile.

Incentivi auto: probabili aiuti statali alle aziende

Auto

Al centro delle riflessioni post introduzione ufficiale degli incentivi vi sono gli aiuti di Stato alle aziende. Il settore dell’automotive sta soffrendo il periodo peggiore dagli anni 70′, è dunque chiaro che serve una scossa quanto prima. Aver escluso le aziende dalla possibilità di utilizzare gli incentivi, se non solo quelle di car sharing, è stato considerato un colpo basso al settore.

Si ricorda infatti che i maggiori acquirenti di auto nuove sono le persone giuridiche: dunque vanno tutelate ad ogni costo per mantenere vivo il settore. Potrà inoltre subire modifiche il vincolo temporale dei 180 giorni dal momento dell’acquisto alla consegna: sono troppo pochi per i tempi medi di attesa attuali.