Indennità di malattia 2022: cos’è, importi e quando spetta

Luca Paolucci
  • Laurea in Economia e Management
  • Laureato in Management Internazionale
05/10/2022

L’indennità di malattia è un emolumento riconosciuto direttamente in busta paga ai lavoratori quando si verifica un evento morboso che ne determina l’incapacità temporanea al lavoro. Vediamo tutti i dettagli nel seguente articolo.

empty-intensive-recovery-room-as-hospital-ward-min

L’indennità di malattia viene riconosciuta a chi sta male e si astiene dallo svolgere l’attività lavorativa, previo accertamento dello stato di salute da parte di un medico che rilascia il relativo certificato.

Si tratta di un’indennità sostitutiva erogata dall’INPS: vediamo nel dettaglio quando spetta e qual’è l’importo erogato al lavoratore.

Indennità di malattia: come funziona e a chi spetta

office-with-documents-and-money-accounts

L’indennità di malattia viene riconosciuta ai lavoratori quando si verifica un evento morboso che ne determina l’incapacità temporanea al lavoro. La misura si rivolge alle seguenti categorie:

  • operai del settore industria;
  • operai ed impiegati del settore terziario/servizi;
  • lavoratori dell’agricoltura;
  • apprendisti;
  • disoccupati;
  • lavoratori sospesi dal lavoro;
  • lavoratori dello spettacolo;
  • lavoratori marittimi;
  • lavoratori iscritti alla gestione separata (art. 2 comma 26 della legge 335/95).

L’indennità non spetta, invece:

  • ai collaboratori familiari (COLF e Badanti);
  • agli impiegati dell’industria;
  • ai dirigenti;
  • ai portieri.

Indennità di malattia: importi e duratamoney-1005464_1920

Per i lavoratori dipendenti del settore privato, l’indennità di malattia ammonta:

  • al 50% della retribuzione media giornaliera per i primi 20 giorni di malattia;
  • al 66,6% per i giorni successivi della malattia o nei casi di ricaduta.

Non sempre, però, l’indennità spetta al 100%. Ci sono delle situazioni in cui l’importo viene ridotto. Nello specifico, si procede con le seguenti riduzioni:

  • due quinti durante i periodi di ricovero se il soggetto non ha familiari a carico;
  • due terzi nei casi di disoccupazione o sospensione dal rapporto di lavoro.

Per quanto riguarda la durata, l’indennità viene riconosciuta per un massimo di 180 giorni in ciascun anno solare per:

  • i lavoratori a tempo indeterminato dell’industria;
  • i lavoratori a tempo indeterminato dell’agricoltura;
  • gli apprendisti;
  • i lavoratori sospesi.