Inflazione: prezzi in aumenti per 2.435 euro

Mattia Anastasi
  • Dott. in Economia Aziendale con curriculum Manageriale
09/01/2023

L’inflazione torna a colpire con tutta la sua forza nel 2023. Dopo un 2022 disastroso sotto questo punto di vista, con livelli che non si vedevano da anni, è tempo di valutare l’impatto in termini economici anche per il 2023. Stando alle prime stime, l’aumento dei prezzi costerà alle famiglie un rincaro di 2.435 euro. Cosa aumenterà di più?

Supermercato

Per molti esperti, il 2022 è stato solo un anno di passaggio e per prendere l’abitudine circa l’aumento dei prezzi generali al consumo. Il 2023 sarà il vero e proprio anno della stangata finale, che costringerà gli italiani a stringere la cintura per poter rientrare con tutte le spese da sostenere. Secondo le nuove stime del Codacons, rischiamo di spendere in media 2.435 euro in più a famiglia.

Vediamo cosa aumenterà di più e chi rischia la povertà.

Inflazione: previsioni per i carburanti

Diesel

Vediamo in primis quali sono le previsioni per il prezzo dei carburanti nel 2023. Dopo un 2022 altalenante, che ha visto i carburanti superare spesso i due euro al litro, il 2023 si è aperto con il taglio dello sconto di 30,5 centesimi, che ha riportato in alto il prezzo di benzina e diesel.

Se il livello dovesse rimanere quello attuale, allora si stima che per ogni famiglia s pagheranno circa 500 euro in più. Questo in considerazione anche degli aumenti dei pedaggi autostradali. Sono in aumento anche le tariffe per le assicurazioni.

Inflazione: aumenta anche il carrello della spesa

Supermercato

A non lasciare scampo agli italiani per gli aumenti di prezzo sono anche i prodotti alimentari e per la pulizia della casa. Gran parte della filiera produttiva è stata piegata nel 2022, causando aumenti ingenti, ben superiori al valore inflattivo del 11,2%. Si stima che nel 2023 vi dovrebbe essere un live miglioramento, ma i livelli sono comunque molto alti.

A parità di consumi si prevede un aumento di spesa stimato in circa +507 euro annui a famiglia, spiega il Codacons.