INPS, attenzione alla nuova truffa: come riconoscerla e cosa fare

Luca Paolucci
  • Esperto di: Politica, Economia e Detrazioni Fiscali
28/03/2022

Attenzione alla nuova truffa che nelle ultime settimane sta prendendo di mira migliaia di utenti INPS. Il messaggio ingannevole arriva via mail e rimanda ad una pagina esterna in cui si richiedere di inserire i propri dati bancari per ricevere un falso rimborso. Vediamo come stare in guardia da situazioni del genere.

inps-pensioni-1200×675

INPS: nuova truffa via mail nelle ultime settimane. L’Istituto ha messo in guardia i propri utenti da un nuovo tentativo di estorsione: il messaggio che arriva via mail contiene il rimando ad un link esterno, dove viene richiesto all’utente di inserire i propri dati bancari per ricevere un rimborso di 713 euro.

Ma, come specificato dall’INPS, non esiste alcun rimborso. Vediamo come riconoscere la truffa e quali sono gli unici canali di comunicazione sicuri utilizzati dall’Istituto.

Nuova truffa INPS: cosa dice il messaggio

Cybercrime team hacking into computer

Ecco il testo della nuova mail truffa INPS già arrivata a migliaia di cittadini italiani:

Gentile cliente,

Con la presente comunicazione la informiamo che il nostro sistema automatico INPS ci ha indicato che lei soddisfa tutti i requisiti e le condizioni per recuperare l’importo di 713,00 EURO sulle tasse e/o contributi pagati nell’anno 2021.

Tuttavia, abbiamo provato ad effettuare il pagamento dell’importo indicato tramite bonifico bancario ma l’operazione non è andata a buon fine perché i suoi dettagli bancari che sono nel nostro possesso risultano errati o incompleti.

Per completare il processo di pagamento la invitiamo a visitare il nostro sito per aggiornare le sue coordinate bancarie.

CONTINUA SULLA PAGINA DEDICATA

Rimanendo in attesa di un vostro gentile riscontro

Porgiamo i nostri sinceri saluti

Cordialmente

INPS

L’INPS non acquisisce in alcun caso, telefonicamente o via email ordinaria, le coordinate bancarie o altri dati che permettano di risalire a informazioni finanziarie. Di conseguenza, questa ed altre eventuali mail simili sono da considerare dei tentativi di truffa.

INPS: i canali di comunicazione sicuri

12-inps-ansa

L’INPS, per motivi di sicurezza, non invia mai comunicazioni di posta elettronica contenenti allegati da scaricare o link cliccabili.

I canali utilizzati dall’Istituto per le comunicazioni ufficiali sono i seguenti:

  • SMS, che non contengono mai link ma sollecitano un’azione da svolgersi accedendo ai servizi online INPS con le proprie credenziali;
  • chiamata telefonica, ma solo nei casi di prenotazione dell’accesso agli sportelli di sede con ricontatto telefonico e in caso di chiamate da operatori di contact center e da operatori di sportello mobile per le campagne di contatto verso i cittadini relative alle visite di revisione;
  • lettere in cartaceo;
  • documentazione digitale nella cassetta postale online;
  • avvisi nell’area riservata MY INPS;
  • comunicazioni tramite la mail PEC dell’utente.