Inps: bonus 100 euro in busta paga nel 2023

Secondo quanto riportato da un’analisi effettuata dall’INPS, nell’anno in corso ci sono stati circa 100 euro in più come bonus in busta paga per i lavoratori dipendenti in seguito al taglio del cuneo fiscale. Questo incentivo sarà confermato anche nel 2024? Vediamo insieme previsioni e risultati.

Pensione-quota-103-Inps-

L’INPS, nel suo XII rapporto annuale, ha voluto sottolineare i benefici che sono derivati dallo sgravio sulle cifre lorde degli stipendi. Il taglio del cuneo fiscale, infatti, ha portato ad un aumento degli stipendi in busta paga, ma cosa succederà nel 2024? Vediamo più nel dettaglio quali sono stati i risultati riportati dall’INPS.

Bonus 100 euro in busta paga

Arriva-il-bonus-di-400-euro-ma-solo-per-chi-ha-questo-ISEE

Secondo il report dell’INPS, i lavoratori hanno ricevuto un bonus da 100 euro in busta paga, anche se bisogna considerare i requisiti degli effettivi beneficiari di questo sgravio fiscale.

Aumento in busta paga: i requisiti

bonus

Come previsto dal governo Draghi nel 2022 – il primo ad introdurre la possibilità di uno sgravio fiscale che portasse ad aumento dello stipendio – il taglio viene applicato per le retribuzioni che sono al di sotto della soglia dei 35mila euro.

Va comunque sottolineato che, nonostante ci sia stato un corrispettivo aumento dell’importo netto in busta paga, questa situazione non ha portato ad un aumento del potere d’acquisto, visto il progressivo alzarsi dell’inflazione.

Stipendi in aumento ad ottobre

5INPS-895847

Stando al report INPS, ad ottobre 2023 ci sarà un ulteriore aumento in busta paga dovuto allo sgravio fiscale. Oltre il 50% dei beneficiari di questo bonus, infatti, potranno vedersi accreditati circa 123 euro. Una cifra importante rispetto anche a quella del secondo semestre dell’anno, in cui si era arrivati a 98 euro.

Taglio del cuneo fiscale nel 2024

ROMA DESERTA
INPS ROMA EUR

Ma cosa succederà nel 2024? Il futuro verrà scritto nella nota di aggiornamento al documento di economia e finanza. Di certo, però, sembra complicato proseguire su questa strada, in quanto il governo dovrebbe stanziare circa 10 miliardi nel 2024 per coprire questa misura.

Lascia un commento