Invalidità civile, arretrati: come funziona e cosa fare

Rachele Luttazi
  • Esperta in welfare e bonus
  • Laurea Magistrale in Economia dell'Ambiente e della Cultura
09/06/2022

Se in possesso di determinati requisiti, è possibile presentare domanda per ottenere gli arretrati della pensione di invalidità. Vediamo insieme quando si ha diritto agli arretrati e come fare domanda.

medium-shot-disabled-man-wearing-mask

La pensione di invalidità civile è compresa tra i sostegni economici erogati dall’INPS per chi versa in condizioni di disabilità tali da compromettere il normale svolgimento di un lavoro. Si tratta di un assegno mensile che viene riconosciuto sulla base dell’invalidità riconosciuta e del reddito.

Tuttavia, possono capitare problemi nell’erogazione dell’assegno e per questo è necessario presentare domanda per ottenere gli arretrati. Vediamo insieme quando si possono richiedere e come fare domanda.

Invalidità civile: quando vengono riconosciuti gli arretrati

blind-man-people-with-disability-handicapped-person-and-everyday-life-visually-impaired-man-with-walking-stick-descending-steps-in-city-park-min

Per poter richiedere gli arretrati della pensione di invalidità è necessario essere invalidi civili al 100% e avere un reddito personale annuo inferiore a 8.469.63 euro e un reddito totale, in caso di coniuge, pari a 14.447,42 euro.

La possibilità di richiedere gli arretrati degli aumenti della pensione d’invalidità civile è prevista dal decreto n. 104/2020 che ha dato applicazione alla sentenza 152 della Corte Costituzionale del 2020 ed è stato in seguito convertito in legge, con la legge di conversione del 13 ottobre 2020 n. 126. Secondo la normativa di riferimento è possibile richiedere gli arretrati solo da luglio 2020 fino al periodo di effettivo aumento della pensione. L’unica eccezione presente  è quella per gli invalidi civili al 100% che abbiano compiuto 60 anni prima di questa modifica.

Domanda arretrati pensione di invalidità

Disabili

Per poter ottenere gli arretrati è necessario presentare domanda, poiché quest’ultimi non vengono riconosciuti automaticamente. Infatti, ci troviamo nel caso dei cd. “diritti inespressi“, espressione con la quale si fa riferimento a quei diritti. Con questa dicitura si intendono i diritti:

che spettano agli invalidi civili e comunque ai pensionati ma che l’INPS corrisponde solo a coloro che agiscono per ottenerli.

È possibile presentare domanda tramite il sito Inps. È necessario avere con sé il verbale di riconoscimento dell’invalidità civile inviato dall’INPS  e in seguito compilare il modello AP70 ed inviarlo attraverso l’apposita sezione sul portale online dell’INPS. Altrimenti, si può fare richiesta tramite un CAF o Patronato o rivolgersi a un avvocato specializzato.