IRPEF 2022, aliquote e scaglioni: quante tasse pagare

Luca Paolucci
  • Esperto di: Politica, Economia e Detrazioni Fiscali
21/09/2022

Dal 1° gennaio 2022 sono cambiate le aliquote e gli scaglioni di reddito IRPEF, che sono passati da cinque a quattro. Vediamo nel seguente articolo quali sono le novità, le aliquote fiscali da applicare e il meccanismo per calcolare l’imposta netta dovuta in base alla propria fascia.

money-notepad-and-calculator-on-the-table (1)-min

L’IRPEF rappresenta l’imposta diretta, personale e progressiva che grava sul reddito da lavoro dipendente, assimilato al lavoro dipendente e di impresa, così come definito nel testo unico delle imposte sui redditi.

Vediamo nel dettaglio le nuove aliquoti fiscali entrate in vigore quest’anno come funziona il meccanismo di calcolo dell’imposta dovuta.

IRPEF 2022: scaglioni e aliquote

cropped-view-professional-serious-finance-manager-holding-calculator-hands-checking-company-month-s-profits-min

La Legge di Bilancio 2022 ha ridefinito le aliquote e gli scaglioni IRPEF che, a partire dallo scorso 1° gennaio, sono i seguenti:

  • 1° scaglione per i contribuenti con reddito compreso tra 0 e 15.000 euro. L’aliquota IRPEF è pari al 23% e corrisponde, in caso di reddito pari 15.000 euro, ad una tassazione di 3.450 euro;
  • 2° scaglione per chi percepisce un reddito tra 15.001 e 28.000 euro. In questo caso l’aliquota IRPEF è del 25%;
  • 3° scaglione per i redditi compresi tra 28.001 e 50.000 euro, con l’aliquota IRPEF pari al 35%;
  • 4° scaglione per i redditi oltre 50.000 euro. L’aliquota IRPEF, in questo caso, è del 43%.

Ricordiamo che non pagano l’IRPEF tutti coloro che percepiscono redditi in no tax area, ovvero fino a 8.174 euro all’anno.

IRPEF 2022: come calcolare l’imposta

young-businessman-working-from-his-office-and-calculating-numbers-min

Per calcolare l’imposta netta dovuta è sufficiente seguire questa procedura:

  • determinare il reddito mensile, facendo concorrere alla sua formazione lo stipendio al netto dei contributi INPS a carico del lavoratore, le indennità di trasferta e la parte imponibile delle indennità e degli assegni vari (esclusi quelli per il nucleo familiare);
  • sottrarre dal reddito mensile così ottenuto gli oneri deducibili per ottenere l’imponibile fiscale;
  • applicare l’aliquota IRPEF prevista in base al proprio scaglione – si ottiene così l’IRPEF lorda;
  • sottrarre le detrazioni fiscali IRPEF per ottenere l’IRPEF netta.