ISEE 2023, giacenza media: cos’è e come si richiede

Sentiamo spesso parlare di giacenza media, soprattuto in riferimento al modello ISEE. Ecco una guida su tutto quello che c’è da sapere sulla giacenza media.

money-g45bc9f06e_1920

La giacenza media, definita anche giacenza media annua, è, come ci spiega l’Agenzia delle entrate: «l’importo medio delle somme a credito del cliente in un dato periodo ragguagliato a un anno». Quindi è la somma del credito disponibile al termine di ogni giorno (giacenza giornaliera) sul conto corrente o su qualunque altro strumento finanziario, comprese le carte prepagate con Iban, divisa per 365.

Dal 2015 si ha l’obbligo di comunicare le informazioni riguardanti la giacenza media annua sia per gli istituti di credito, sia per i contribuenti stessi. Ma vediamo insieme nel dettaglio come funziona.

Giacenza media: cos’è e a cosa serve

banconote-money-euro

La giacenza media annua si calcola, quindi, dividendo la somma delle giacenze giornaliere per 365.
Le banche e Poste italiane S.p.A. hanno l’obbligo di inviare all’Agenzia delle Entrate le informazioni sulla giacenza media annua relativamente a conti correnti, conti deposito a risparmio libero o vincolato. Questa moltitudine di dati serve all’Agenzia delle Entrate per stabilire il patrimonio mobiliare, mentre il singolo cittadino è tenuto a comunicarla nella propria dichiarazione Isee.

Un valore basso dell’Isee consente infatti di accedere ad alcune agevolazioni statali e non. Aggiungiamo che una giacenza media minore o uguale a 5mila euro consente di non pagare l’imposta di bollo sul conto corrente.

Giacenza media: come si richiede?

money-1005464_1920

Per quanto riguarda un conto corrente o un libretto di risparmio viene comunicata per legge dalla banca o da Poste italiane all’Agenzia delle entrate in automatico.

Nel caso si voglia conoscere la propria giacenza media, questa si può trovare nell’estratto conto trimestrale o annuale comunicato dagli istituti di credito che si trova all’interno del sito nella propria area personale.

Questa si può verificare anche sotto forma di documento cartaceo che verrà inviato all’indirizzo del cliente. Infine si potrà sempre fare richiesta della giacenza media di persona, presentandosi allo sportello di qualsiasi filiale, o via mail.