Lavoratore senza green pass: si può richiedere il risarcimento danni?

12/10/2021

L’opinione pubblica è profondamente spaccata riguardo all’obbligo del green pass negli ambienti lavorativi. Ad alimentare la fiamma vi è la recente proposta di Confindustria, che prevede la possibilità di richiedere il risarcimento danni al lavoratore senza green pass.

GREEN-PASS-OBBLIGATORIO-FANPAGE-IMG

Mentre ci si avvicina alla fatidica data del 15 Ottobre, in cui sarà obbligatorio avere il green pass per accedere all’ambiente lavorativo, la situazione si scalda ulteriormente a causa della richiesta avanzata da Confindustria. Il datore di lavoro, in caso di presenza di un lavoratore non munito di green pass, può richiedere un risarcimento danni per il danno arrecato.

Tale richiesta susciterà non poche polemiche tra i contrari al green pass: analizziamo la questione.

Risarcimento danni: la proposta di Confindustria

1280px-Confindustria.svg

Confindustria nel formulare tale proposta, si è servita dei dati Istat che hanno stimato l’ammontare della forza lavoro ancora senza vaccinazione. Tra coloro che non vogliono vaccinarsi, gli immunizzati e chi non può vaccinarsi per motivi sanitari, si stima che circa il 15% della forza lavoro italiana non sia in possesso del green pass.


Leggi anche: Green pass obbligatorio al lavoro: quando si può accedere senza?

Fino ad ora, il lavoratore senza green pass viene sospeso dal lavoro senza stipendio. Per quanto riguarda ingressi abusivi senza green pass, sono previste multe che vanno dai 600 ai 1500 euro. Ma la proposta di Confindustria è quella di inasprire tale fattispecie, infatti in presenza di alcuni casi particolari che arrechino danni economici alla società, questa può richiedere il risarcimento danni al lavoratore.

Quando può essere richiesto il risarcimento danni?

Lavoro

Vediamo ora in quali casi l’azieda può chiedere il risarcimento danni. Ancora ovviamente non vi sono indicazioni ufficiali in tal senso, ma vi sono dei casi in cui è prevista la presenza indispensabile del lavoratore. Questi sono:

  • lavoratori impegnati in appalti, commesse e ordini in cui è essenziale la loro presenza;
  • lavoratori “trasfertisti”, ossia quei dipendenti impegnati in viaggi che non possono partire senza green pass.
  • lavoratori assunti nel settore dell’edilizia per uno specifico appalto.
Mattia Anastasi
  • Laureato in Economia Aziendale con curriculum Manageriale
  • Laureando in Finanza e Metodi Quantitativi per l'Economia curriculum in Assicurazioni
  • Esperto in: Economia e Detrazioni Fiscali
Suggerisci una modifica