Lavoro, nuove assunzioni con la Legge di Bilancio: dove e entro quando

Luca Paolucci
  • Esperto di: Politica, Economia e Detrazioni Fiscali
02/11/2021

Boom di assunzioni nei prossimi anni grazie alla Legge di Bilancio 2022. Il provvedimento, che verrà approvato in forma definitiva entro il mese di dicembre, prevede migliaia di nuovi posti di lavoro da qui al 2025. Dalla scuola alla sanità, vediamo tutti i settori coinvolti nella manovra.

handshake-close-up-of-executives-min

A partire dal 1° gennaio 2022 si aprirà una stagione ricca di nuove assunzioni in molti dei settori trainanti dell’economia italiana, come la Pubblica Amministrazione, la scuola e la sanità.

È quanto disposto dalla nuova Legge di Bilancio: nella bozza del provvedimento, che diventerà ufficiale entro il mese di dicembre, vengono stanziate risorse importanti da destinare a nuovi posti di lavoro, sia a tempo determinato che a tempo indeterminato.

Vediamo nel dettaglio tutti i settori coinvolti dal provvedimento.

Pubblica Amministrazione: in arrivo nuovi concorsi

man-gf63bafc61_1920

Il primo settore coinvolto dalla nuova Legge di Bilancio è quello della Pubblica Amministrazione: 100 milioni gli euro stanziati dalla manovra solamente per il prossimo anno per le assunzioni a tempo indeterminato dello Stato, degli enti pubblici non economici nazionali e delle agenzie, con numerosi concorsi pubblici già autorizzati a partire da gennaio 2022.

Legge di Bilancio che non guarda solamente al prossimo anno: nel provvedimento, infatti, è già stato predisposto l’ulteriore stanziamento di 200 milioni di euro per il 2023 e di 250 milioni di euro per il 2024, sempre in ottica di nuove assunzioni a tempo indeterminato.

Secondo le ultime stime di Unioncamere-Anpal, il fabbisogno della Pubblica Amministrazione nel prossimo triennio sarà di circa 750 mila nuovi dipendenti, di cui quasi 700 mila per sostituire coloro che andranno in pensione e 50 mila nuove professionalità specifiche e tecniche da inserire nel settore.

Nuove assunzioni anche per sanità, scuola e università

school-2051712_1920

Novità importanti anche per il mondo della sanità e per quello della scuola e dell’università.

In relazione al primo, la Legge di Bilancio stanzierà circa 600 milioni di euro con l’obiettivo di stabilizzare almeno 30 mila lavoratori precari assunti tra gennaio 2020 e giugno 2021 per fronteggiare l’emergenza Covid. A ciò si dovrebbe aggiungere un piano di assunzioni di infermieri, con circa 25 mila nuovi profili ricercati.

Posti di lavoro che aumenteranno anche nel mondo della scuola pubblica: la manovra stanzia oltre 100 milioni di euro fino al 2025, con le assunzioni di nuovi insegnanti che supereranno le 70 mila unità.

Nuove risorse, infine, anche per le università, con lo stanziamento di 75 milioni di euro per il 2022 per l’assunzione di professori, ricercatori e personale amministrativo.