Legge di Bilancio 2022, le ultime novità: dal Superbonus 110% al Reddito di Cittadinanza

Rachele Luttazi
  • Esperta in welfare e bonus
  • Laurea Magistrale in Economia dell'Ambiente e della Cultura
23/12/2021

La Commissione Bilancio del Senato ha approvato gli emendamenti previsti in merito alla Legge di Bilancio 2022. Quali misure sono state modificate? E quali invece sono rimaste intatte? Scopriamolo insieme.

Legge di Bilancio 2022, le ultime novità: dal Superbonus 110% al Reddito di Cittadinanza

Il 21 dicembre il disegno della Legge di Bilancio 2022 è stato approvato dalla Commissione Bilancio del Senato. Tra gli emendamenti approvati in merito alla legge finanziaria troviamo il taglio dell’IRPEF, la rateizzazione delle bollette, una modifica del Superbonus 110% e altri incentivi.

Lo step successivo consiste nell’approvazione da parte del Senato, seguita poi da quella della Camera, le quali dovranno avvenire entro la fine del 2021.

Diversamente da quanto previsto all’inizio, gli emendamenti approvati sulla Legge di Bilancio 2022 hanno fatto aumentare le spese stimate di circa 9 miliardi: infatti, ad ottobre le spese ammontavano a 23 miliardi circa per poi arrivare a 32 miliardi di euro nelle ultime modifiche.

Legge di Bilancio 2022: tutti gli emendamenti approvati

lawyer-with-smartphone-minL’emendamento più recente riguarda il contrasto ai rincari dei prezzi dell’energia. Infatti, il disegno di legge prevede che dal 2022 le bollette luce e gas potranno essere rateizzate in 10 rate, a partire dalle fatture emesse da gennaio ad aprile del prossimo anno e in caso di inadempienza dei clienti domestici, le imprese dovranno offrire un piano di rateizzazione senza interessi.

Un’ulteriore modifica approvata in questi giorni riguarda il Superbonus 110% per il quale è stato eliminato il tetto Isee di 25 mila euro. L’unico vincolo previsto è l’ultimazione del 30% dei lavori entro il 30 giugno 2022. Inoltre, sempre in merito agli incentivi edilizi, per quanto riguarda il bonus mobili, il limite ISEE di 16 mila euro previsto per accedere all’agevolazione è sceso a 10 mila euro.

Tra i principali emendamenti approvati dalla Commissione troviamo anche quello in merito al taglio delle tasse sul reddito: è prevista una riduzione da 5 a 4 delle aliquote IRPEF e una rimodulazione delle fasce di reddito. Inoltre, 1 miliardo di euro sarà stanziato per l’eliminazione dell’IRAP, che il prossimo anno verrà abolita per autonomi, imprese individuali e start up.

Altre novità riguardano il cosiddetto “bonus idrico”, prorogato fino al 2023, l’introduzione di un bonus per abbattere le barriere architettoniche all’interno delle abitazioni, un aumento del tempo a disposizione per pagare le cartelle notificate nei primi tre mesi del 2022, e infine una modifica per alcune categorie di lavoratori della cosiddetta “APE sociale”, i cui anni di contributi richiesti lavoratori edili e ai ceramisti scenderanno da 36 a 32.

Legge di Bilancio 2022: quali misure non sono state modificate?

court-hammer-books-judgment-law-concept (1)-minDue delle misure previste dalla bozza iniziale della Legge di Bilancio 2022 non sono state modificate: il rifinanziamento del reddito di cittadinanza e la riforma delle pensioni.

Per quanto riguarda il reddito di cittadinanza, la novità in merito riguarda la sua erogazione, la quale verrà interrotta dopo il rifiuto di due proposte di lavoro, invece che tre come previsto finora, e ci sarà una piccola diminuzione mensile dopo il primo rifiuto e l’obbligo di partecipare ad attività nei Centri per l’impiego.

Per quanto concerne le pensioni, invece, verrà introdotta la cosiddetta formula “Quota 102”, che innalzerà da 62 a 64 anni l’età minima per andare in pensione.