Libretto risparmio minori: qual è il migliore?

Spesso si decide di iniziare ad accantonare dei soldi in favore dei figli già quando sono molto piccoli. Regali di battesimo, comunione e compleanni potrebbero essere superiori al migliaio di euro, dunque è bene organizzarsi con lo strumento finanziario migliore. Vediamo quale utilizzare nel seguente articolo.

Figli

Se state valutando di aprire un libretto di risparmio per il vostro figlio minore, dovete fare ben attenzione a quale prodotto si utilizza. Poste Italiane mette a disposizione ben tre possibilità distinte, che consentono di investire al meglio per i propri figli. Approfondiamo insieme la vicenda nel seguente articolo.

Libretti minori: ecco le proposte di Poste Italiane

Figli

Poste Italiane si schiera in prima linea per quanto riguarda i prodotti finanziari per i più giovani. Il risparmio viene considerato essenziale dal 70% delle famiglie italiane, dopo che nel corso della pandemia in molti sono riusciti ad accantonare somme. Stesso discorso vale per i figli: perché privarsi della possibilità di accantonare soldi in un conto deposito?

Libretti deposito: cosa offre Poste Italiane?

Vediamo quali sono le tre offerte di Poste Italiane in materia di libretti deposito per i minori. Vediamo quali sono:

  • “Io cresco”, che è dedicato ai bambini da 0 a 12 anni;

  • “Io conosco” per i minori da 12 a 14 anni;

  • “Io capisco” per i ragazzi da 14 a 18 anni.

     

Ognuno di questi ha delle caratteristiche particolari, che li rendono adatti in determinate situazioni.

Come funzionano i libretti?

Approfondiamo ogni tipologia di libretto nel seguente paragrafo:

  • Io Cresco da la possibilità di effettuare versamenti e prelievi da parte dei genitori e i risparmi crescono in attesa che il minore li possa gestire;
  • Io Conosco consente di  fare alcune operazioni come ad esempio versamenti e prelievi fino ad un massimo di 30 euro al giorno e 250 euro al mese;
  • Io Capisco consente di  versare fino a 50 euro al giorno e massimo 500 euro al mese. Anche in questo caso sia il genitore che il tutore possono richiedere la carta Io intestata al minore.

Si possono fare operazioni online?

Figli

Con queste tre tipologie di libretti è possibile effettuare anche delle operazioni online? La risposta è sì, ma solo dopo che il genitore tutore, abbia lasciato il proprio benestare ed il proprio numero di telefono. Il tasso d’interesse che si applica è solitamente molto basso, pari allo 0,01%.

 

 

Lascia un commento