Manovra 2023, pensioni minime: di quanto aumenteranno e per chi

Rachele Luttazi
  • Esperta in welfare e bonus
  • Laurea Magistrale in Economia dell'Ambiente e della Cultura
19/12/2022

A partire dal prossimo anno, le pensioni minime aumenteranno fino a 600 euro per gli over 75. L’emendamento alla Manovra proposto da Forza Italia è stato approvato, dopo il raggiungimento dell’accordo politico tra la maggioranza.

money-1-min

L’emendamento alla Manovra per l’aumento delle pensioni minime a 600 euro dovrebbe essere approvato. Infatti, secondo quanto dichiarato da fonti di governo, l’accordo politico della maggioranza sull’incremento delle pensioni è stato raggiunto ma riguarderà soltanto gli over 75.

La modifica alla manovra sarà introdotta attraverso un emendamento dell’esecutivo, in via di definizione.

Pensioni minime fino a 600 euro per gli over 75

money-2

L’aumento delle pensioni minime a 600 euro è stato proposto da Forza Italia, come ricordato dalla presidente dei senatori del partito, Licia Ronzulli:

Grazie a Forza Italia ci saranno la proroga del superbonus al 31 dicembre e l’aumento delle pensioni minime a 600 euro per gli over 75.

Tuttavia, per far sì che l’incremento coinvolgesse tutti i beneficiari delle pensioni minime, le risorse a disposizione del Tesoro non erano sufficienti. Per questo motivo, l’aumento riguarderà soltanto gli over 75:

Miracoli non ne facciamo e, siccome non c’era tutto per tutti, siamo partiti da chi ha pensioni e stipendi più bassi.

Ha ricordato il vicepremier e ministro delle Infrastrutture, Matteo Salvini.

Manovra 2023: le ultime novità

money-3

Secondo alcune fonti della maggioranza, la norma contenuta in Manovra che introduce la soglia di 60 euro sotto la quale i commercianti possono rifiutare i pagamenti elettronici potrebbe saltare.

Inoltre, sembrerebbe che il governo voglia introdurre un bonus per l’acquisto di case “green” e introdurre delle nuove modifiche sugli extraprofitti.

È prevista in Manovra la proroga al 31 dicembre 2022 della Cilas per il superbonus al 110% e la norma ‘salva-sport’, che consente la rateizzazione in 60 rate dei versamenti sospesi per il Covid, a società sportive, federazioni e enti di promozione.

Infine, è stato proposto un ulteriore taglio al Reddito di cittadinanza, riducendo da otto a sette mesi di sussidio per ottenere un risparmio di risorse di circa 200 milioni.