Manovra 2023, Superbonus: le nuove scadenze

Rachele Luttazi
  • Esperta in welfare e bonus
  • Laurea Magistrale in Economia dell'Ambiente e della Cultura
27/12/2022

La Legge di Bilancio ha modificato le scadenze relative al Superbonus 110%. Vediamo insieme come cambia l’agevolazione a partire dal prossimo anno.

Lavori, Edilizi

Non solo il decreto Aiuti quater, ma anche la Manovra 2023 ha modificato il Superbonus e le relative scadenze.

A partire dal prossimo anno, infatti, per alcuni l’aliquota di detrazione prevista dall’agevolazione si abbasserà al 90%. Ma non solo. Vediamo insieme le ultime novità in merito.

Superbonus: le scadenze per le case unifamiliari

Edilizia

Innanzitutto, per quanto riguarda i lavori eseguiti su edifici unifamiliari, il Superbonus passa dal 100% al 90% e hanno accesso all’agevolazione coloro che rispettano i seguenti requisiti:

  • essere titolari di diritto di proprietà o di diritto reale di godimento sull’unità immobiliare (usufrutto, uso, abitazione, superficie, enfiteusi);
  • se l’unità immobiliare è adibita ad abitazione principale;
  • essere titolari di un reddito di riferimento rapportato a uno specifico quoziente familiare, non superiore a 15.000 euro.

Possono ancora usufruire della detrazione piena, anche per le spese effettuate nel 2023, soltanto se la CILAS è stata presentata entro il 25 novembre 2022. Inoltre, possono sfruttare il 110 pieno per le spese sostenute fino al 31 marzo 2023, i proprietari di edifici e villette unifamiliari con lavori che hanno raggiunto uno stato di avanzamento (SAL) del 30% entro il 30 settembre 2022.

Per quanto riguarda i lavori di demolizione e di ricostruzione deve risultare presentata l’istanza per l’acquisizione del titolo abilitativo entro il 25 novembre.

Superbonus: le scadenze per i condomini

Edilizia

Per quanto concerne gli interventi realizzati nei condomini, il decreto Aiuti-quater ha anticipato la rimodulazione delle aliquote agevolative:

  • 90% per le spese 2023;
  • 70% per le spese sostenute nell’anno 2024;
  • 65% per quelle sostenute nell’anno 2025.

Le medesime scadenze e percentuali valgono in merito ai lavori effettuati dai condomini e dalle persone fisiche su edifici composti da due a quattro unità immobiliari distintamente accatastate, anche se posseduti da un unico proprietario o in comproprietà da più persone fisiche.

A poter beneficiare dell’aliquota al 110 sono coloro che hanno approvato la CILAS entro il 25 novembre e la delibera assembleare di approvazione dell’esecuzione dei lavori è stata adottata in data antecedente al 25 novembre 2022.

Per gli edifici composti da 2 a 4 unità immobiliari, anche se posseduti da un unico proprietario o in comproprietà tra più soggetti, il 110 sarà valido soltanto per gli interventi per i quali è stata presentata la CILAS entro il 25 novembre.

Superbonus: le scadenze per le ONLUS

Edilizia

Le ONLUS, le organizzazioni di volontariato e le associazioni di promozione sociale, possono usufruire del Superbonus al 110% se la CILAS è stata presentata entro il 25 novembre.