Materie prime: il riciclaggio elettronico è la soluzione alla crisi?

Uno degli effetti della pandemia è stato quello di creare una crisi sui prezzi e sugli approvvigionamenti di materie prime. Queste infatti sono sempre più rare da trovare e il prezzo è schizzato alle stelle. E se fosse possibile riciclarle per limitare o risolvere del tutto il problema?

energia rinnovabile aziende it

Le materie prime critiche sono sempre più importanti e la crisi dei prezzi e delle disponibilità cui stanno andando incontro ormai da più di un anno e mezzo, sta causando non pochi problemi su scala mondiale. L’Italia è uno di quei paesi fortemente dipendenti da questi materiali, al punto che la produzione italiana dipende da 564 miliardi di euro solo da queste.

E se una delle possibili soluzioni fosse quella di riciclare i materiali elettronici?

Riciclare i rifiuti tecnologici: può essere la soluzione?

Pc

Si sta dibattendo sula fattibilità dell’operazione, ma dai primi calcoli si evidenzia come andando a riciclare i rifiuti tecnologici sia possibile ottenere materiale in più, molto utile in tempi di crisi come questi. Il totale dei rifiuti elettronici, detti anche Raee, consentirebbe di arrivare 15,6 tonnellate di materie prime critiche ogni anno.

Sicuramente queste non sarebbero sufficienti per risolvere il problema, ma consentiranno di avere meno problemi nel trovarne di nuovi, alleggerendo la domanda. “i rifiuti elettronici sono una miniera urbana di metalli, una miniera che può consentire di ridurre la dipendenza da materie prime critiche”. Così The European House.

Materie prime: la crisi è solo in Italia?

european-union-flag-blue-background

Valutiamo ora quali sono le aree più colpite dalla crisi delle materie prime critiche. Stando a quanto calcolato, l’Unione Europea intera è a forte rischio in quanto non ha centri di estrazione in grado di reggere il peso della domanda. Solo in UE, l’utilizzo delle materie prime critiche consente di produrre circa tre trilioni di euro all’anno di materiali.

Migliorare il riciclo è dunque un problema generalmente europeo, dove la necessità di efficientare le procedure di recupero sta diventando via via sempre più importante.

Lascia un commento