Modello 730/2022, si avvicina la scadenza: chi deve farlo e come funziona

Luca Paolucci
  • Esperto di: Politica, Economia e Detrazioni Fiscali
09/09/2022

Occhio alla scadenza del 730/2022: tutti i contribuenti abilitati possono consultare e scaricare direttamente dal sito dell’Agenzia delle Entrate il modello precompilato 2022. Vediamo nel dettaglio quando va fatto, entro quando e qual’è la procedura da seguire.

730-modello-blog

C’è tempo fino al prossimo 30 settembre per inoltrare il modello 730/2022.

Sul sito internet dell’Agenzia delle Entrate è possibile consultare, modificare e scaricare il documento precompilato, previa autenticazione tramite SPID, CIE o CNS.

Vediamo nel seguente articolo chi deve farlo e come funziona la procedura.

Modello 730 precompilato entro il 30 settembre

agenzia-delle-entrate-1200×675

Il modello 730/2022 deve essere trasmesso entro il 30 settembre.

I contribuenti possono consultare il proprio modello 730 precompilato online accedendo all’area riservata del sito dell’Agenzia delle Entrate e autenticandosi tramite SPID, CIE o CNS.

All’interno del servizio è possibile visualizzare, modificare e/o integrare la propria dichiarazione prima di inviarla all’Agenzia. Una volta effettuato l’invio, la dichiarazione resta visualizzabile e scaricabile all’interno della propria area autenticata.

Modello 730 precompilato: chi deve presentarlo

agenzia-delle-entrate

Il modello 730 precompilato 2022 può essere inviato all’Agenzia delle Entrate da coloro che, nell’anno di imposta 2021, hanno precepito una o più delle seguenti tipologie di redditi:

  • redditi di pensione,
  • redditi di lavoro dipendente a tempo determinato, se il rapporto di lavoro dura almeno dal mese di aprile al mese di luglio 2022, se il 730 è presentato tramite il sostituto di imposta (datore di lavoro),
  • reddito di lavoro dipendente, se la dichiarazione è presentata tramite Caf dipendenti, se il rapporto di lavoro a tempo determinato dura almeno da giugno a luglio 2022;
  • reddito di lavoro dipendente a tempo indeterminato (compresi gli italiani che lavorano all’estero, quando il reddito è determinato sulla base delle retribuzioni annuali convenzionali);
  • redditi derivanti da disoccupazione Naspi, mobilità e cassa integrazione, dis-coll;
  • redditi conseguiti come personale della scuola precario, con contratto di lavoro a tempo determinato, se il contratto parte dal mese di settembre dell’anno 2021 sino al mese di giugno 2022;
  • redditi dei soci delle cooperative;
  • remunerazioni dei sacerdoti;
  • retribuzioni dei giudici costituzionali, dei parlamentari e degli altri soggetti titolari di cariche pubbliche;
  • compensi per l’attività libero professionale intramuraria del personale dipendente del Servizio sanitario nazionale;
  • redditi di lavoro autonomo occasionale.

Possono inviare il modello 730 precompilato anche gli eredi che presentato la dichiarazione dei redditi per conto dei parenti deceduti e i produttori agricoli esonerati dalla presentazione delle dichiarazioni 770 Irap e Iva.