Modello 730/2024 per Colf e Badanti: come recuperare fino a 1200 Euro

Il Modello 730 del 2024 potrebbe rappresentare una notevole opportunità economica per colf, badanti e babysitter. Spesso, questi lavoratori domestici non godono dei benefici fiscali automatici riservati ad altri lavoratori dipendenti, dato che i loro datori di lavoro non agiscono come sostituti d’imposta.

Ecco come, con la presentazione della dichiarazione dei redditi, potrebbero recuperare fino a 1200 euro.

Un’opportunità nascosta per Colf e Badanti (ma non solo)

Per la maggior parte dei lavoratori dipendenti, il conguaglio fiscale viene gestito direttamente dal datore di lavoro attraverso il sistema delle ritenute. Tuttavia, i lavoratori domestici, che ricevono una retribuzione lorda senza ritenute dirette, si trovano in una situazione differente. I loro datori di lavoro non trattengono l’IRPEF né applicano le detrazioni fiscali sul loro stipendio mensile, il che significa che questi lavoratori devono occuparsi personalmente della loro dichiarazione dei redditi.

Il vantaggio del 730/2024

Il Modello 730/2024 permette ai lavoratori domestici di dichiarare il reddito percepito e di sottoporlo a tassazione. Questo processo, tuttavia, non deve necessariamente tradursi in un onere fiscale elevato. Poiché i datori di lavoro non hanno applicato le detrazioni da lavoro dipendente né il bonus IRPEF mensile di 100 euro, i lavoratori hanno la possibilità di recuperarli attraverso questa dichiarazione.

In particolare, i lavoratori con un reddito imponibile fino a 15.000 euro possono vedersi riconoscere fino a 1.200 euro di trattamento integrativo. Questo, combinato con le detrazioni da lavoro dipendente, può non solo neutralizzare l’IRPEF dovuta, ma anche portare a un rimborso del surplus.

Quando il 730 diventa conveniente

La particolarità del modello 730/2024 è che può risultare a credito per i lavoratori domestici. Se il reddito non supera i 15.000 euro, le detrazioni e il trattamento integrativo spesso compensano completamente l’IRPEF dovuta, risultando in un rimborso. Questo è un aspetto rassicurante per molti lavoratori domestici che temono di dover affrontare un grande debito fiscale a fine anno.

Considerazioni finali dell’esperto

È importante che colf, badanti e babysitter siano consapevoli di questa opportunità e si informino adeguatamente o si rivolgano a un professionista per massimizzare il loro potenziale di recupero fiscale attraverso il Modello 730/2024. Nonostante l’iniziale apprensione che potrebbe suscitare la necessità di una dichiarazione dei redditi, i benefici fiscali che ne derivano possono rappresentare un significativo sostegno finanziario.