Modello 730 precompilato 2022: da quando si può fare?

Rachele Luttazi
  • Esperta in welfare e bonus
  • Laurea Magistrale in Economia dell'Ambiente e della Cultura
25/04/2022

Il modello 730 precompilato sarà disponibile ai contribuenti italiani a partire da fine maggio, nonostante inizialmente fosse prevista una data più vicina; infatti, la causa di questo slittamento è stata la proroga della scadenza relativa alla comunicazione dell’opzione di cessione del credito o sconto in fattura in merito ai bonus edilizi.

money-1439125_1920

Dal 23 maggio sarà disponibile sul sito dell’Agenzia delle Entrate il modello 730 precompilato. Si tratta di un modello con diversi dati già inseriti che evita ai contribuenti di effettuare tutti i calcoli necessari e dà la possibilità di ottenere il rimborso dell’imposta direttamente in busta paga. Possono usufruirne i lavoratori dipendenti e i pensionati.

Per quanto riguarda il termine ultimo entro cui inviare il modello non è stata ancora comunicata la data in maniera ufficiale, mentre per quanto concerne le modalità di invio della domanda, non ci sono modifiche in merito.

Modello 730: da quando sarà disponibile?

office-with-documents-and-money-accounts (1)-minLa proroga della scadenza per la comunicazione dell’opzione di cessione del credito o sconto in fattura riferita ai bonus edilizi ha fatto spostare anche la data dalla quale sarà disponibile il modello 730 precompilato. Quest’ultimo si troverà sul sito dell’Agenzia delle Entrate a partire dal 23 maggio, anziché il 30 di aprile.

Inizialmente, il termine ultimo per la comunicazione della cessione del credito o sconto in fattura era fissato per il 7 aprile; tuttavia, un emendamento al decreto Sostegni ter ha modificato tale scadenza, facendola slittare al 29 aprile.

Modello 730: chi può utilizzarlo

office-with-documents-money-accounts-minIl modello 730 può essere presentato da coloro che nel 2021 hanno ricevuto redditi di lavoro dipendente, redditi assimilati a quelli di lavoro dipendente e redditi di pensione. Inoltre, questi contribuenti non devono aver un sostituito d’imposta nel 2022 che possa effettuare il conguaglio.

Possono utilizzare il modello 730 anche coloro che hanno percepito redditi di fabbricati e terreni, redditi di lavoro autonomo per cui non è richiesta partita Iva, redditi assoggettabili a tassazione separata (come i redditi percepiti dagli eredi).