Multe, cartelle e avvisi di pagamento: arriva la notifica digitale

Luca Paolucci
  • Esperto di: Politica, Economia e Detrazioni Fiscali
07/06/2022

Arriva la nuova piattaforma per la notifica digitale di multe, cartelle e avvisi di pagamento da parte della Pubblica Amministrazion. È arrivata la firma sul decreto da parte dei Ministri dell’Economia Daniele Franco e dell’Innovazione Tecnologica Vittorio Colao: vediamo le novità contenute nel provvedimento.

entrepreneur-working-with-bills

Pubblica Amministrazione: nuovo passo in avanti nella transizione digitale. I Ministri dell’Economia Daniele Franco e dell’Innovazione Tecnologica Vittorio Colao hanno firmato il decreto che introduce un portale online per la notifica di multe, cartelle e avvisi di pagamento ai cittadini.

Il decreto, una volta pubblicato in Gazzetta Ufficiale, attiverà la piattaforma. Vediamo nel seguente articolo come dovrebbe funzionare la procedura di invio.

Pubblica Amministrazione: arriva la notifica digitale

pagopa

È in arrivo la nuova piattaforma, gestita da PagoPA, tramite cui la Pubblica Amministrazione potrà notificare atti, provvedimenti, avvisi e comunicazioni ai cittadini.

L’introduzione di una piattaforma per la notifica digitale di atti e avvisi di accertamento tributari era stata prevista prima nella Legge di Bilancio 2020, nel dettaglio dall’articolo 26 del decreto legge n. 76/2020 e poi dettagliata dall’articolo 26 del decreto Semplificazioni.

Ora è arrivata l’ufficialità con la firma sul decreto attuativo da parte dei Ministri dell’Economia Daniele Franco e dell’Innovazione Tecnologica Vittorio Colao. Si attende solo la registrazione della Corte dei Conti e la successiva pubblicazione del provvedimento in Gazzetta Ufficiale.

Come funziona la piattaforma?

bollette-calcolo

In attesa della versione definitiva del decreto, l’invio della notifica digitale dovrebbe avvenire secondo i seguenti passaggi:

  • adesione dell’amministrazione al servizio con l’elezione di un funzionario incaricato;
  • accesso alla piattaforma da parte del funzionario tramite SPID, CIE o CNS;
  • caricamento del documento da notificare sulla piattaforma, con l’inserimento del codice fiscale e del domicilio del cittadino;
  • il sistema prenderà in carico la richiesta generando il codice identificativo dell’operazione e lo consegnerà al destinatario (con marcatura temporale), che potrà visualizzarlo previa autenticazione tramite SPID, CIE o CNS;
  • una volta entrati nella piattaforma essi potranno eleggere uno o più “domicili digitali” e consultare i documenti messi a disposizione dalle varie amministrazioni.

La notifica avverrà con tutta probabilità tramite PEC, presso il domicilio digitale scelto dal destinatario nella piattaforma. Nel caso in cui il cittadino non avesse una casella di posta elettronica certificata o un servizio elettronico di recapito certificato, l’amministrazione dovrebbe inviare la tradizionale notifica cartacea.