Naspi 2023: quando vengono pagati gli importi?

Mattia Anastasi
  • Dott. in Economia Aziendale con curriculum Manageriale
06/01/2023

Via al pagamento della Naspi per il 2023, ma quando arriva e che tipo di importo verrà erogato? Ogni contribuente beneficiario potrà vedere la data di accredito sul portale MyInps, almeno stando a quanto dichiarato dall’Istituto stesso. Vediamo ora insieme come controllare l’importo nel seguente articolo.

Lavoro, Triste

La Naspi che verrà pagata nel mese di Gennaio 2023, farà riferimento al mese di Dicembre 2022, come previsto dal regolamento. L’indennità di disoccupazione non ha subito alcuna modifica, neanche in Legge di Bilancio, e questo è un ottimo segnale per dare continuità.

Di norma il pagamento avviene entro la metà del mese corrente, ma potrebbe anche essere frazionata. Approfondiamo insieme la questione nel seguente articolo.

Naspi 2023: ecco le date di pagamento

Lavoro

Quando verrà pagata la Naspi a Gennaio 2023? Come di consueto, il pagamento dovrebbe arrivare a prossima settimana, ossia non più in là del 15 Gennaio. Proprio però perché il 15 cade di domenica, è possibile che il pagamento slitterà, arrivando in ritardo rispetto al giorno 9 o 10.

Stando al calendario Inps, il pagamento dovrebbe avvenire il 13 Gennaio nelle seguenti province: LatinaTrevisoSalerno e Isernia. La stessa data è indicata per le città di Taranto e Taormina. Per qualcuno il pagamento potrebbe slittare a lunedì 16 gennaio.

Solitamente i pagamenti sono così divisi:

  • il primo pagamento dal 16 al 30 del mese se la decorrenza cade in questo periodo.
  • una quota pagata dal giorno di decorrenza al 15 del mese se la Naspi decorre tra il 1° e il 15;
  • una seconda quota dal 16 al 30 del mese;

Naspi 2023: come verificare l’importo?

Lavoro

Vediamo ora come è possibile verificare l’effettivo arrivo dell’importo della Naspi. Per verificare è sufficiente accedere al portale MyInps dedicato, utilizzando le seguenti credenziali di accesso:

  • Sistema Pubblico di Identità Digitale, Spid;
  • Carta Nazionale dei Servizi, Cns;
  • Carta di Identità Elettronica, Cie.

Attenzione però, perché l’importo Inps di Gennaio si troverà decurtato delle seguenti componenti:

  • le trattenute Irpef;
  • il recupero del conguaglio Irpef per l’anno precedente;
  • l’addizionale regionale;
  • l’addizionale comunale dell’anno precedente.