Nuovi contributi a fondo perduto per le piscine: importi e beneficiari

Sono in arrivo nuovi contributi a fondo perduto in favore delle associazioni e delle società sportive dilettantistiche che hanno per oggetto sociale la gestione di impianti natatori.  Vediamo nel dettaglio a chi spettano e quali sono gli importi erogati.

swimming-924895_1920

Con avviso pubblicato sul proprio sito in data 6 luglio 2022, il Dipartimento dello Sport ha reso note le modalità e i termini di presentazione delle richieste di erogazione dei nuovi contributi a fondo perduto in favore delle associazioni e delle società sportive dilettantistiche che hanno per oggetto sociale la gestione di impianti natatori.

Vediamo tutti i dettagli nel seguente articolo.

Nuovi contributi piscine: i requisiti

swimmers-79592_1920

Possono accedere ai nuovi contributi a fondo perduto le Associazioni e le Società Sportive che alla data del 2 marzo 2022:

  • risultavano iscritte nel Registro Nazionale delle Associazioni e Società Sportive dilettantistiche;
  • e che siano alla data di pubblicazione del presente decreto affiliate alle Federazioni Sportive, alle Discipline Sportive o agli Enti di Promozione Sportiva;
  • e che abbiano per oggetto sociale la gestione di impianti per l’attività natatoria.

Nuovi contributi piscine: gli importi

top-border-euro-money-notes-min

I nuovi contributi saranno assegnati ai soggetti aventi diritto nel seguente modo:

  • 25 mila euro per impianto natatorio dotato di piscina coperta e convertibile, di superficie compresa tra 150 e 249 metri quadri;
  • 40 mila euro per impianto natatorio dotato di piscina coperta e convertibile, di superficie compresa tra 250 e 399 metri quadri;
  • 60 mila euro per impianto natatorio dotato di piscina coperta e convertibile, di superficie superiore a 399 metri quadri;
  • 60 mila euro per impianto natatorio dotato di piscina scoperta;
  • è assegnato un ulteriore contributo pari al 50% di quanto già previsto ai soggetti detentori di più di un impianto natatorio, dotati di vasca coperta non inferiore a 250 metri quadrati e ubicati in più sedi o località diverse;
  • alle Associazioni e Società Sportive che abbiano atleti tesserati in discipline olimpiche aventi come base lo sport del nuoto e l’utilizzo delle piscine, viene riconosciuto un ulteriore contributo. Per essere ammessi all’assegnazione del contributo, gli atleti sopra citati devono aver partecipato ad una delle seguenti manifestazioni: Giochi Olimpici, Giochi Paralimpici, Campionati del Mondo e Campionati Italiani Giovanili o Assoluti svoltisi nel periodo intercorrente tra il 1 gennaio 2020 e la data di emanazione del presente decreto.

Lascia un commento