Nuovi ecoincentivi auto fino a 5 mila euro: quando e come richiederli

Luca Paolucci
  • Esperto di: Politica, Economia e Detrazioni Fiscali
02/04/2022

Sono in arrivo i nuovi incentivi del Governo per l’acquisto di automobili a basse emissioni di anidride carbonica. I contirbuti, che in caso di rottamazione possono arrivare fino a 5.000 euro, dovranno essere richiesti dai concessionari. Vediamo come funzionano.

young-couple-talking-to-a-sales-person-in-a-car-showroom-min

Arriveranno a breve i nuovi incentivi destinati a chi acquista un veicolo elettrico, ibrido o a basso impatto ambientale.

Per finanziare il pacchetto di aiuti sono stati stanziati 650 milioni di euro, una somma inferiore agli 800 milioni precedentemente annunciati, ma la copertura è stata estesa anche al biennio 2023-2024.

Vediamo tutti i dettagli degli incentivi.

Ecoincentivi auto: importi e quando spettano

handsome-and-elegant-man-in-a-car-salon-min

Sono in arrivo i nuovi incentivi auto 2022, che saranno suddivisi in tre fasce calcolate in base alle emissioni di anidride carbonica:

  • fascia 1, da 0 a 20 g/km (auto elettriche);
  • fascia 2, da 21 a 60 g/km (auto ibride plug-in);
  • fascia 3, da 61 a 135 g/km (auto alimentate a benzina, metano, gpl, mild e full hybrid).

Questi gli importi massimi erogati in relazione al tipo di veicolo acquistato:

  • 3.000 euro per le auto elettriche (5.000 euro in caso di rottamazione);
  • 2.000 euro per le auto ibride plug-in (4.000 euro in caso di rottamazione);
  • 2.000 euro per le auto alimentate a benzina, metano, gpl, mild e full hybrid.

In caso di rottamazione di un’auto, quest’ultima dovrà risultare immatricolata da un minimo di dieci anni.

Ecoinventivi auto: limiti e come ottenerli

Car Sales Flat Composition

I nuovi ecoincentivi verranno riconosciuti per gli acquisti di automobili non superiori alle seguenti somme:

  • 35.000 euro nel caso dei veicoli appartenenti alla fascia 1;
  • 45.000 euro nel caso dei veicoli appartenenti alla fascia 2;
  • 30.000 euro nel caso dei veicoli appartenenti alla fascia 3.

Al pari di quanto avvenuto lo scorso anno, il contributo verrà erogato direttamente ai rivenditori: il concessionario si dovrà registrare alla piattaforma online messa a disposizione dal Ministero dello Sviluppo Economico e prenotare l’incentivo, riconoscendolo poi all’acquirente tramite una compensazione sulla somma finale dovuta per l’acquisto dell’automobile. La piattaforma che consentirà la prenotazione degli incentivi da parte delle concessionarie è la stessa già utilizzata nel 2020 e nel 2021.