Nuovo bonus 150 euro: chi può chiederlo

Una specifica categoria di lavoratori riceverà finalmente l’accredito di un bonus di 150 euro nel corso del mese di giugno. Di chi si tratta? Di seguito troverai tutte le informazioni necessarie.

bonus 150 euro

In un periodo economico generale non particolarmente prospero, poter contare su aiuti concreti da parte dello Stato italiano è estremamente importante. In passato, molte categorie di lavoratori, pensionati e disoccupati hanno potuto beneficiare di diversi bonus erogati dallo Stato.

Bonus 150 euro: chi può riceverlo?

bonus

A seconda del reddito, molti lavoratori hanno potuto beneficiare di due diversi tipi di aiuti, ovvero un bonus da 200 euro, uno da 150 euro o, in alcuni casi, entrambi i bonus. Tutte le categorie di lavoratori rientranti nelle diverse fasce di reddito avrebbero dovuto ricevere i vari bonus entro febbraio 2023.

Tuttavia, ciò non è ancora avvenuto per tutti. Infatti, si sono verificati significativi ritardi nell’accredito dei diversi bonus sui rispettivi conti correnti. Di conseguenza, molte persone non hanno ancora potuto beneficiare di questi aiuti volti a contrastare l’aumento dei prezzi e l’inflazione.

Quale categoria di lavoratori vedrà accreditarsi il bonus da 150 euro a giugno?

Arriva-il-bonus-di-400-euro-ma-solo-per-chi-ha-questo-ISEE

Diverse categorie di lavoratori potrebbero beneficiare automaticamente del bonus da 150 euro. Altre, invece, potrebbero essere tenute a presentare una richiesta regolare per ottenere tale forma di sostegno.

I destinatari che riceveranno i 150 euro di bonus a giugno sono coloro che sono titolari di disoccupazione agricola. Dopo molti mesi di ritardo, finalmente questi cittadini riceveranno il contributo tanto atteso.

Come nel caso di tutti gli altri disoccupati, anche coloro che hanno lavorato nel settore agricolo in passato non sono tenuti a presentare una richiesta per ottenere il bonus da 150 euro. Esso sarà accreditato automaticamente.

L’unica condizione fondamentale per ricevere il bonus da 150 euro è essere in possesso della disoccupazione agricola alla data del 30 novembre 2022. Inoltre, l’indennità di tale disoccupazione fa riferimento a tutti i giorni non lavorati nel settore agricolo nel corso del 2021.

Il bonus per contrastare l’aumento dei prezzi sarà quindi erogato a questa categoria nel mese di giugno. Tuttavia, ci sono ancora molte categorie di lavoratori e disoccupati che attendono il contributo statale. Nei prossimi settimane, l’INPS dovrebbe procedere con il pagamento a tutti coloro che ne hanno diritto.

Lascia un commento